Pellissier (att. Chievo): “Per lo scudetto tifo Napoli e Udinese”

0
64

napoli-chievo01-2010A Radio Crc, nella trasmissione “Si gonfia la rete” di Raffaele Auriemma, è intervenuto Sergio Pellissier, attaccante del Chievo, che ha rilasciato le seguenti dichiarazioni sntetizzate da Napolisoccer.NET: “Giocare a calcio è bellissimo. È uno sport che dura poco e se non te lo godi fino in fondo, poi lo rimpiangi. Hamsik, Lavezzi e Cavani sono tre grandissimi campioni ed è dura giocare al loro posto. Giocare una partita ogni tre non è facile, perché non riesci ad avere quella condizione che ad un calciatore permette di rendere di più. È difficile anche giocare ogni partita, però così facendo il gruppo si conosce bene, trova l’intesa giusta, e si immedesima subito nel clima partita. Questo giocare sempre quindi può essere per alcuni calciatori un fattore positivo, ma per altri no, molto dipende anche dalla qualità del giocatore. Il Napoli ha giocatori di estrema qualità, ed è per questo che si trova in questa posizione in classifica nonostante abbia disputato moltissime partite coi i soliti undici titolari, se invece la qualità è discreta rischi di retrocedere, come è accaduto per noi. Chiunque giochi a calcio vorrebbe essere chiamato per la Nazionale. In tanti se la sono conquistati anche solo quest’anno. Sono calciatori che sanno quanto è importante il loro finale di carriera. Noi che non giochiamo in Nazionale abbiamo tempo per recuperare le forze e questo può risultare utile. Però i calciatori che vengono chiamati per la Nazionale hanno una qualità superiore anche di testa, e questa qualità gli permette di recuperare le energie in pochissimo tempo. Se il Napoli vuole diventare una grande squadra deve andare incontro anche a queste cose. Per lo scudetto vorrei che vincesse una squadra tra Napoli e Udinese perché stanno disputando un campionato straordinario e lo meriterebbero. Otto partire sono tante, però entrambe le squadre sono vicine alle due favoritissime e se la possono giocare”.
 

Redazione Napolisoccer.NET (Fonte: Radio CRC)

 



LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here