Arbitro Rocchi, dov’è l’uniformità di giudizio?

15
35

Due pesi due misure, lo stesso fallo valutato in due modi diversi dallo stesso arbitro nel giro di pochi giorni. Allora ci chiediamo, dov'è l'uniformtià di giudizio? Non solo non esiste uniformità nel giudicare i falli tra i vari arbitri della serie A ma addirittura lo stesso arbitro giudica in modo diverso due falli analoghi in due partite diverse, una volta favorendo il Milan ed un'altra volta l'Inter. Manco a farlo apposta le due milanesi, ma… sicuramente è un caso.
Allora rianalizziamo i due episodi.
Il primo è il famoso e contestatissimo presunto fallo di gomito di Aronica in Milan-Napoli di un paio di settimane fa. 
Tralasciando che precedentemente c'era un fallo netto di Ibrahimovic su Cannavaro e di Flamini su Aronica limitiamoci solo ad analizzare il fallo dello stesso Aronica che sul colpo di testa ravvicinatissimo di Pato, questione di centimetri, toccava la palla col braccio. L'arbitro Rocchi senza alcuna esitazione concedeva il calcio di rigore.
Bene, sarà questo il metro di giudizio del direttore di gara della sezione arbitrale di Firenze in occasione di questo genere di falli? Assolutamente no. Non passano due giornate di campionato che l'arbitro Rocchi smentisce il suo metro di giudizio.
Brescia – Inter, minuto 76', Nagatomo colpisce la palla con il braccio su un tiro cross del bresciano Konè nella sinistra dell'area di rigore interista. L'arbitro è sicuro di se, lo giudica involontario e fa segno di proseguire facendo infuriare il tecnico Iachini e tutti i tifosi presenti al Rigamonti. Eppure qui non si tratta nemmeno di centimetri, eppure Nagatomo non ha il braccio completamente attaccato al corpo.
Allora ci domandiamo e domandiamo al presidente dell'AIA Nicchi di spiegarci perchè i suoi arbitri non abbiano unoformtià di giudizio.
Redazione NapoliSoccer.NET
(foto tratta da internet)

15 Commenti

  1. No, l’uniformità c’è : contro di noi c’era il Milan e contro il Brescia c’era l’Inter… Il criterio adottato è quello di favorire sempre le milanesi, indipendentemente da quel che accade in campo.

  2. non esageriamo sono un tifoso del napoli.. ma il rigore non c è assolutamente.. e se volevano favorire l’inter non davano un rigore al brescia che è fuori area.. gli arbitri sono scarsi il punto è questo..

  3. questo articolo mi sembra un pò forzato…….che gli arbitri sbaglino lo sappiamo tutti,che ci siano delle squadre più tutelate è palese ed anche un cieco lo vedrebbe,ma dire che ogni decisione arbitrale venga presa a secondo dalla squadra in campo mi sembra una gratutita forzatura,e poi credo che il rigore per il brescia non ci fosse,(mio personalissimo parere).

  4. In ogni caso non capisco queste polemiche: tutto il mondo gli ha detto che s’era sbagliato, e s’è adeguato, non fischiando giustamente un rigore che non c’è.

    Sarebbe stato un arbitro migliore se avesse continuato a sbagliare? Semplicemente non ci doveva essere il rigore contro il Napoli, e questo è sacrosanto, ma tirare in ballo anche altri errori successivi significa proprio avere la polemica nel DNA. La lascio a voi.

  5. Davvero ridicoli questi articoli.. ma la vogliamo smettere o no di parlare di arbitri, cxxxx non si da un rigore contro tra l’altro dubbio al novantesimo se si vuole favorire una squadra. L’ uniformita di giudizio al 100% non ci sara’ mai lo volete capire o no? E’ come pretendere da un giocatore di fare sempre gol su un calcio di rigore!

  6. …. gli arbitri non sono e non sono mai stati scarsi!
    Il Napoli ha giocato male queste ultime partite, punto!
    Il palazzo non ci vuole bene; ma questo è differente.

  7. L’articolo non vuole avere un fine polemico (non era rigore quello di Milan-Napoli non era rigore quello di Brescia-Inter), bensì di evidenziare che ci sono arbitri che giudicano in modo diverso lo stesso episodio nel giro di pochi giorni, in contrasto con quell’uniformità di giudizio tanto auspicata.
    Ricordo infatti che pochi giorni fa il Presidente Nicchi rispondeva a Mazzarri con queste parole: “l’importante è che nella condotta di gara degli arbitri ci sia uniformità di valutazioni“. Ai lettori lasciamo le considerazioni finali.

  8. Non si può non parlare male di questa specie di arbitro, asservito a chissà quali interessi di palazzo.
    L’unica arma che abbiamo è quella di evidenziare ogni volta i suoi “errori” in modo da perdere la qualifica di arbitro internazionale, lasciando spazio chi è molto più capace e purtroppo non riesce ad emergere…….
    Forza Napoli.

  9. gaspare e’ differente??????? solo questo sai dire??? quindi x te e normale che tutto dipende dasl èpalazzo e che sia tutto pilotato?? quindi devo dedurre che tu sei uno a cui gli dice quello che deve fare senza alzare la voce manco quando a ragione???????? infatti e grazie a gente come te che altri ne approfittano ………………… bye bye

  10. non ci sono parole. chi scrive questo articolo vuole poi far credere di non avere un fine polemico. basta riportare questo passaggio per capire che così non è: “Manco a farlo apposta le due milanesi, ma… sicuramente è un caso.” i puntini di sospensione… (quelli sì) non sono “un caso”! L’anno scorso in napoli inter, quando sempre aronica colpì il pallone con un mani nettissimo, rosetti, che a bari aveva dato un rigore contro l’inter in situazione identica, al san paolo fece finta di niente. due anni fa, proprio rocchi, mi pare, si inventò un rigore per il napoli, quasi identico all’invenzione di ieri, che poi, anche allora, l’attaccante sbagliò. Ieri rocchi non ha espulso un bresciano per regolamentare doppia ammonizione (non dimentichiamo la beatificazione di tagliavento dopo il super applicatore del regolamento in inter samp), non ha dato rigore su pandev nell’azione precedente al rigore per il brescia, si è letteralmente inventato il rigore perle rondinelle pur stando (o forse proprio per questo) a più di 20 metri di distanza, mentre sulla precedente era a due passi.
    in sostanza non dite agli interisti che rocchi possa in qualche modo favorirli per piacere. forse voi napoletani (giustamente) non ricordate il derby dell’anno scorso che, solo perchè l’inter è riuscito a vincerlo lo stesso, pur finendo in nove, non è rimasto nella storia come la più truffaldina prestazione arbitrale di sempre dopo quella di ceccarini in juve inter dell’88.
    la verità è che la prostituzione intellettuale è sempre quanto mai attuale e, per esempio, si pompa a dismisura il fuorigioco di ranocchia in inter cagliari ma non si dice con altrettanta forza che, sempre nella stessa partita, tre minuti dopo il fischio di inizio c’è un rigore solare per una trattenuta in area isolana. ma queste cose meglio non farle sapere. si potrebbe pensare che mourinho aveva ragione.
    meglio far credere alla gente che l’inter, per esempio, vinca i suoi scudetti con gli “aiutini”, mentre magari chi lo dice manda per tre volte in tre secondi l’arbitro rizzoli a fare in c… senza essere espulso, oppure segni un gol decisivo portandosi la palla vanti con la mano a parma ma nessuno poi lo sostenga, oppure segni un gol con un fallo e due posizioni di fuoirigioco contro il cesena, oppure segni due gol irregolari al catania, oppure ne segni un altro irregolare propro col brescia per mani di vucinic. se poi mettiamo nel caderone i gol irregolari del milan e i rigori inventati pro rossoneri, davvero non finiremmo più. eppure tutto sparisce dai media. a meno che l’errore arbitrale non favorisca l’inter… una volta ogni dodici giornate. questo articolo sul mani di nagatomo è veramente l’acme di questo atteggiamento. un fallo che non esiste (NON ESISTE) viene usato per sostenere una tesi “arbtri pro milanesi” davvero infame. a udine (morganti) viene inventata una punizione e l’udinese ci fa gol. pandev viene falciato da ultimo uomo e… niente, cambiasso vien nemmeno falloe scalciato in area di rigore e… niente. per concludere, cari napoletani, se volete fare un’analisi attenta degli errori arbitrali io sono pronto ad aiutarvi, però dobbiamo farla senza prostituirci intellettualmente. saluti grazie di avermi eventualmente pazientemente letto e forza napoli da un interista del sud. scusate anche per gli errori di battitura.

  11. Cosimo, sono d’accordo con te in molti punti della tua analisi. Non credo a complotti di nessun tipo, dico soltanto che c’è un problema di arbitri non di grande livello e carisma… ma l’arbitro è un essere umano e, in quanto tale, fallace: gli errori ci saranno sempre, l’importante è non incentrare tutto su questo, sulle moviole, sulle polemiche, sui centimetri per un fuorigioco, sugli sputi, le gomitate etc…
    Diverso è il discorso sulla SUDDITANZA PSICOLOGICA: ogni arbitro credo ne risenta e qui il problema è a monte, al fatto a cui accennavo all’inizio e, cioè, che non ci sono arbitri di grande classe e carisma da evitare di incorrere nella sudditanza quando arbitrano matches di grandi squadre.

LASCIA UN COMMENTO