L’Aurelio Furioso dà lezioni di calma ma ribadisce: Mi comporto da tifoso

9
24

DeLaurentiis11L'aveva promesso, De Laurentiis, aveva detto che non avrebbe parlato prima di martedì, prima della presentazione cioè dell'ultimo film da lui prodotto:  "Amici miei – Come tutto ebbe inizio". 
Nella cornice dell'Hotel Vesuvio, sul lungomare, il presidente ha rotto gli indugi con un discorso ampio sul suo Napoli e sul calcio, un discorso partito da un doveroso sguardo al passato: "Tante altre squadre nelle nostre stesse condizioni non sono riuscite a fare quello che abbiamo fatto noi in questi anni: abbiamo ricostruito tutto da zero ed adesso siamo al diciannovesimo posto nella classifica dei club quando due anni fa eravamo al trecentesimo".
Non risparmia qualche bacchettata ai suoi giocatori: "Non sapremo mai come sarebbero andate a finire le partite di campionato giocate senza di lui (Lavezzi, ndr), purtroppo è difficile se i suoi sostituti non rendono al meglio o non si sono integrati al massimo con gli schemi sul campo."
Poi finalmente si apre sul fronte arbitri: "Senza errori arbitrali, ho letto che staremmo al primo posto ma il calcio è questo e dobbiamo attenerci alle regole odierne. Il Napoli può darsi che dia fastidio, come la Lazio, la Roma ed il Palermo. Ma allora che ce lo dicano apertamente: si fanno due campionati da 2-3 squadre ed un altro da 17, con le vincenti che si affronterebbero per il titolo. Dobbiamo continuare a restare calmi, mi dispiace leggere assurdità sulla blasfemia di Mazzarri.".
E infine, a proposito dei gesti seguiti all'espulsione dell'allenatore azzurro: "Non avevo capito perchè fosse stato cacciato, volevo che il pubblico si alzasse per salutarlo e per accompagnarlo fuori dal campo. Al San Paolo io sono presidente e sono tifoso, e mi posso comportare come voglio da quest’ultimo, altrimenti si vive in uno stato di polizia."
In chiusura ne ha pure per il figlio Edo e per Lavezzi: "A loro non ho detto niente, devono capirlo loro per primi che hanno recato un danno al Napoli".
Tanta calma, ma parole dure di chi non ci sta a vedere un proprio progetto depredato, infangato e calpestato dall'inettitudine altrui.

Domenico Infante – Napolisoccer.NET

9 COMMENTS

  1. presidente avevi detto che senza moggi non ci sarebbero stati piu i poteri forti nel calcio e che anche una squadra come il napoli il palermo ecc ecc avrebbero potuto vincere. chissa se la pensi ancora cosi. ai tifosi dico di non massacrare gargano perche anche se ora sta sbagliando in campo da sempre tutto.

  2. Il fango è tutto del nord e ci affogheranno dentro! Due campionati e playoff finali con arbitri stranieri! Sarebbe la fine del milan, dell’inter e della juve! Finalmente liberi da disonesti!!!! Forza Aurelio, siamo tutti con te!

  3. Caro presidente, hai perfettamente ragione. Io aggiungerei che, dato che negli stadi si assiste comunque ad uno spettacolo come a teatro o al cinema, perchè uno qualsiasi degli spettatori o gli stessi attori non possono manifestare liberamente il loro pensiero (art.21 della Nostra Costituzione) come accade in altri contesti???
    Mazzarri ha semplicemente espresso il proprio punto di vista e subito è stato sottoposto a squalifica da parte di un gruppo di pseudo-giudici, che secondo me sono ampiamente incompetenti ed anche ignoranti…..giuridicamente parlando.
    Dunque, viviamo in uno STATO DI POLIZIA, mi chiedo?????????

  4. Ti ho sempre criticato ma stavolta hai parlato bene.Le milanesi pero’ non cederanno mai di un centimetro quindi facciamoci il campionato del Sud.

  5. Caro Presidente, tu che sei un grande imprendiyore perchè non ti inventi qualcosa per farci vedere le partite per televisione senza dover dare i soldi ai nostri papponi facendo le tessere e abbonamenti madiaset?
    W il Meridione e Forza Napoli!!!!!!!!!!!!!!!!!!

  6. L’ideale sarebbe una piattaforma tra il digitale terrestre e il net view, magari tramite il sito ufficiale con un apposito lettore di smart-card.
    Facciamo un ipotesi di un abbonamento intorno ai 10€ mensili (120 € annui)
    se la base di tifosi e di circa 6.000.000 sparsi per il mondo con un sistema del genere sarebbero tutti raggiungibili.
    Nell’ipotesi migliore si arriverebbe a fatturare circa 720.000.000 lordi annui, che tra costi di gestione, quote da versare agli altri club e tasse…porterebbero nelle casse del Napoli di sicuro più di quanto attualmente percepito dalle attuali emittenti televisive.
    Poi con una programmazione strutturata e più articolata che vada oltre la trasmissione del singolo evento sportivo, si attirerebbero anche sponsor di terze parti, quindi altri introiti da sommare ai 720 milioni.

LEAVE A REPLY