GAME OVER: “Nulla è compromesso, il Napoli è ancora artefice del proprio destino”. L’analisi di mister Agostino Iacobelli

7
43

gameoverNuovo appuntamento con "GAME OVER", la rubrica settimanale di approfondimento ed analisi sull'ultima gara di campionato (Napoli-Brescia), curata da mister Agostino Iacobelli per Napolisoccer.NET.
Non era facile per gli azzurri tirarsi su dopo due sconfitte amare e trovare sul proprio cammino un altro fischietto non all’altezza, oltre che un Brescia ben messo in campo che ha chiuso tutti gli spazi, ha molto innervosito gli undici mandati in campo da Mazzarri. E' da questo dato di fatto che si materializza il pareggio dell'ultima gara di campionato.
A mio modesto parere nulla è compromesso, ma bisogna credere in questi uomini ed in questa squadra piuttosto che criticare aspramente fino al disfattismo.
Il rischio attuale, per noi tifosi, è quello di incappare in due comportamenti pericolosi. Il primo, innanzitutto, è quello di farsi "condizionare" da un latente senso si impotenza sugli episodi arbitrali che spesso si trasforma in vittimismo. Purtroppo gli errori degli arbitri sono all’ordine del giorno e gli sbagli ci sono sempre sia da una parte che dall’altra. Certo la protesta è sensata ma non trovo opportuno che ci si nasconda solo dietro agli errori della classe arbitrale, come, fra l’altro, giustamente spiegato da capitan Cannavaro. Il Napoli in questo periodo non sta giocando bene e questa è la concausa, sommata ai torti ricevuti, dei pochi punti guadagnati.
Il secondo, che da sempre cerco di smaterializzare, riguarda la troppa facile perdita di equilibrio da parte dei sostenitori partenopei. Come da me più volte evidenziato, è troppo semplicistico osannare la squadra quando si è trovata a lottare spalla a spalla con il Milan e sparare a zero ora che le cose non vanno per il giusto verso. Ricordando i vecchi commenti dei lettori ed analizzando gli attuali, credo che questo pericolo sia abbastanza realistico e contingente. Purtroppo, oggi che la squadra sta manifestando un calo fisico e psicologico (più che comprensibile) non si fa altro che lamentarsi e mugugnare. Dobbiamo, invece saper gestire le nostre emozioni ed avere equilibrio e fiducia in tutta la squadra, compresi quei giocatori più in difficoltà, e mi riferisco ad esempio a Gargano, finito nel mirino dei tifosi ed ormai oggetto di critiche continue.
Come dicevo nulla è compromesso. Se è vero che Udinese e Lazio si sono avvicinate pericolosamente, è anche vero che il Napoli è sempre al terzo posto e rimane l'artefice del proprio destino. Dopo aver sognato lo scudetto sarebbe di certo una stagione fallimentare se si perdesse l’approdo alla Champions. Pertanto uniamoci nel sostenere una squadra che, finora, ha conseguito risultati eccezionali e che ha tutto il potenziale per raggiungere  l'obiettivo champions, nell'ottica di una costante ed auspicata crescita.
 

Agostino Iacobelli per Napolisoccer.NET



7 Commenti

  1. grande pezzo mister da tifoso ma soprattutto da uomo coerente quale hai dimostrato di essere nelle rubriche e in questo ambiente di bandieruole forza NAPOLI sempre

  2. Condivido l’analisi di Mister Iacobelli, devo dire che il Napoli nel momento topico della stagione ha avvertito un calo fisico e mentale. Gli errori arbitrali ci sono però nelle ultime gare non siamo stati più quelli di primi. Ora dipende solo ed esclusivamente da noi, siamo ancora al terzo posto, non guardiamo quello che fanno gli altri, se riprendiamo a vincere dietro , le avversarie, neanche con i miracoli ci possono raggiungere. Mister Iacobelli mi insegna che in questi casi l’unità del gruppo è la migliore delle medicine, quindi tutti insieme,tifosi compresi, uniamoci in un solo grido “Forza Napoli” l’Europa che conta ci aspetta!!!!!!

  3. Beh, come si fa a non convenire con ciò che viene saggiamente e obiettivamente evidenziato dal Mister. Questa è purtroppo anche l’incoerenza del tifoso napoletano ( per fortuna non di tutti ), osannato e posto come esempio di calore sugli spalti certo, ma lontano da quello che deve essere un vero e proprio “sostenitore”. Sono stato testimone di commenti del tipo “Mazzarri ha sbagliato tutto, è meglio che se ne va !”. Ma come si fa? Dico, ma come si fa a poter solo lontanamente pensare a lanciare invettive contro qualcuno che ci ha preso a volo sull’orlo del baratro e ci ha riportati in Champions ( perchè si, andremo in Champions, ne sono sicuro ). E’ sparare sulla croce rossa ! Concordo sul fatto di non farsi assolutamente condizionare da “episodi”, e ripeto “episodi” che non minano assolutamente il già glorioso cammino che hanno percorso, e percorreranno gli azzurri. La nostra è un’impresa, tutto quello che verrà e tutto di più. C’è solo da stare sereni, godersi tutte queste finali che ci porteranno davanti i cancelli dell’Europa che conta ! Questo momento, che io reputo nemmeno tanto negativo ( una sconfitta in Spagna immeritata dopo aver dominato; sconfitta con il Milan ci può stare in qualsiasi occasione; pareggio con il Brescia che rappresenta forse una leggera flessione ) doveva per forza arrivare, ma, da Machiavelli, “E’ comune defetto degli uomini, non fare conto, nella bonaccia, della tempesta”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here