Per il Napoli solo un pari. La qualificazione ora passa per il Madrigal

3
12

napoli-villarreal01-2011Clima di grande calcio al San Paolo per la parata di stelle scese in campo, ma il match non è stato così spettacolare come annunciato.
Una partita nella quale le qualità individuali degli uomini più rappresentativi non sono riuscite ad emergere del tutto, le panchine hanno giocato una partita nella partita annullandosi praticamente a vicenda: la prudenza e la disciplina tattica stasera sono state la stella polare per entrambi i trainer. Peccato sia mancato il gol ma nel contesto s’è visto un tasso tecnico di elevata qualità confermando che questa competizione europea è comunque ambita da rose di indiscusso valore. Il Napoli tutto sommato ha ben interpretato la partita, attento a non scoprirsi ed evitando di subire reti s’è impossessato fin da subito delle fasce cercando gli esterni con continuità, anche con repentini cambi di gioco in modo da non dare punti di riferimento agli ospiti. Il Villarreal dal suo canto ha confermato quanto di buono s’era detto sul suo conto, disponendo di un organico di gran caratura e di provata esperienza internazionale ha mostrato ottime trame specialmente negli spazi stretti talvolta mettendo in serio scompiglio la retroguardia azzurra. Buona la fase di possesso specialmente per far respirare la squadra, a centrocampo armeggiava con buoni risultati quel “vecchietto” di Senna insieme a Valero, ai due fortunatamente non è mai riuscita la fase di scarico per accendere la velocità di “Pepito” Rossi e del velocissimo Nilmar, non ancora al 100% dopo l’intervento in artroscopia al ginocchio, ma temibile lo stesso al pari del nazionale italiano.
napoli-villarreal01-2011Un avversario veramente ostico per il Napoli che ha risposto con una prestazione di grande accorgimento tattico e grande intensità. Lavorando d’equipe nel cercare subito la pressione sui portatori di palla avversari, offuscando loro le idee, approfittando anche del fatto che non godono di una ottimale condizione fisica generale. Spuntata così una delle migliori armi a disposizione della formazione di Garrido gli azzurri hanno tenuto per buona parte di gara in mano il pallino del gioco relegando sovente gli iberici nella loro trequarti come schiacciati dalla pressione dalla quale per uscirne hanno dovuto dare sfoggio di una millimetrica applicazione del fuorigioco, che ha sorpreso spesso in fallo gli uomini di Mazzarri. Ciononostante le occasioni non sono mancate, la più plateale ancora una volta capita sui piedi di Lavezzi al quale però nulla si può rimproverare vista la tempestività d’uscita di Diego Lopez, un lungagnone di oltre un metro e novanta già secondo di Casillas al Real Madrid.
napoli-villarreal01-2011Cavani di occasioni ne ha avute almeno un paio, ma al di là delle conclusioni non proprio felici il “matador” non è apparso particolarmente brillante come altre occasioni, Mazzarri infatti gli aveva chiesto di non sacrificarsi in copertura proprio per averlo più lucido sotto porta. Il tema del turn over nel Napoli ha un pò riguardato tutti da inizio stagione a questa parte ma mai il capocannoniere, la cui presenza in campo rimane evidentemente di maggior stimolo se non di garanzia per tutto il gruppo.
Mascara se l’è cavata abbastanza bene tenuto conto i tempi così ristretti per imparare certi meccanismi che Maggio ha fluidi nelle gambe quando è accompagnato dal miglior Hamsik. Stasera lo slovacco ha disputato solo l’ultima mezz’ora senza riuscire però a garantire quel quid in più che forse cercava da lui Mazzarri. Sarà importante ritrovarlo nelle migliori condizioni tra una settimana, nella gara di ritorno, laddove potrebbero essere determinanti i suoi tempi di inserimento per scardinare la linea da fuorigioco svizzero tenuta su dagli spagnoli.
Il confronto è quindi solo al giro di boa, lungo ancora centottanta minuti ed il Napoli avrà in pratica due risultati utili su tre per passare il turno. Il Villarreal giocoforza sarà costretto a fare la partita per vincere ed il Napoli, in ottime condizioni fisiche, avrà la possibilità di esprimersi nel gioco più congeniale alle proprie caratteristiche. Sarà fondamentale, però, rimanere altamente concentrati perché a questi livelli il più piccolo errore tecnico, se non tattico, potrebbe compromettere per entrambe le squadre la qualificazione ed il Napoli visto stasera può sicuramente andarla a conquistare al Madrigal.

Antonello Greco – Redazione NapoliSoccer.NET

Condividi
Articolo precedenteMascara: “Avremmo meritato di vincere, ce la giocheremo in Spagna”
Prossimo articoloCatania, Bergessio ci sarà contro il Napoli
Giornalista e Vice Direttore di Napolisoccer.NET . Tifoso del Napoli, coniugo l'amore e la passione per gli azzurri alla deontologia propria del lavoro di giornalista. Il piacere di raccontare le vicende azzurre, con i suoi risvolti sociologici, con criticità e romanticismo quando ci vuole. Pratico la libertà d'informazione senza condizionamenti.

3 Commenti

  1. Gli avversari di stasera hanno tenuto fede alla loro fama, lampante gia’ dalla doppia erre presente nel loro biglietto da visita,vi ricordate quel cane della famosa storiella ( ie song’ e’ Acerrra ….)

  2. Si ma quello che non me piaciuto ieri sera ….. . i fischi indirizzati a i nostri ragazzi!…. … ma siamo impazziti!?!, immaginatevi se si prendono gli insulti anche dai compagni di squadra e dall’allenatore, che ne viene fuori!?!
    ieri poi non si fischiava la prestazione…. ma il passaggio sbagliato, semmai il tocco lungo o anticipato dall’avversario… cose capitano e possono sempre capitare, dicevo un detto “o pallone è rotond e piere sò stuort’ e ccè vònne è palle quadrat” ma non sempre si riesce ad essere precisi e lucidi, mi pare che anche Maradona abbia sbagliato più di una volta, e vero che lui sapeva compensare i suoi sbagli, ma questa è un’altra storia.

    A volte penso che come tifo stiamo messi male, altro che dodicesimo in campo! siamo la sottrazione di quelli in campo, anche quando le cose vanno male bisogna sempre incitare a fare meglio…. e sempre stato così, poi chi si fa il culo in campo sono loro è sanno loro cosa stanno passando, 100 minuti avanti e in dietro senza fermarsi ne con la testa ne con le gambe e tu lo fischi! ……. MA DAI !!!

    Fate ammenda.

    FORZA NAPOLI !

LASCIA UN COMMENTO