In caso di squalifica di Mannini potrebbero arrivare Zambrella e Vass

0
23

Il nuovo rinvio della sentenza del Tas sul caso Mannini complicherà e non poco il calciomercato del Napoli. Fin da quando il Napoli scoprì che il tornante poteva ancora essere sanzionato nonostante il periodo di stop scontato in maglia azzurra (15 giorni di squalifica: saltò le partite con la Reggina e il Palermo a marzo dello scorso anno) immediatamente fece intendere che nel caso di un nuovo provvedimento disciplinare si sarebbe rivalso sul Brescia che glielo aveva venduto per 7 milioni di euro a gennaio del 2008. Se il Napoli avesse conosciuto ieri, come era stato annunciato, la sentenza del Tas, avrebbe avuto tutto il tempo per regolarsi. Anche nel malaugurato caso di una squalifica di Mannini che potrebbe essere fermato fino ad un massimo di due anni, come richiesto dalla Wada. Invece il nuovo rinvio complica i piani della società. In caso di assoluzione, un brindisi e via con altre operazioni in uscita e di conseguenza in entrata. Se invece il calciatore dovesse essere nuovamente fermato, tutto dipenderebbe dal periodo di stop. Dovesse essere medio lungo, il Napoli, suo malgrado, sarebbe costretto a restituire Mannini al mittente, al Brescia. Anche considerando il periodo in cui il calciatore ha vestito la maglia azzurra, un anno, certamente il Brescia sarebbe costretto a restituire al Napoli un bel po’ di euro tenendo presente anche che il valore di Mannini nel frattempo è un po’ lievitato. Sembra da scartare l’ipotesi di un rimborso, così si profila l’arrivo di un altro calciatore dal Brescia dopo quelli di Hamsik, Mannini e Santacroce. Chi? Al momento sono tre quelli che potrebbero fare al caso del Napoli: Zambrella, Vass e Savio Nsereko. Fabrizio Zambrella, classe 1986, nasce a Ginevra e calcisticamente nel Servette. Viene ingaggiato dal Brescia nella stagione 2004-05. È un centrocampista di valore e milita anche nella nazionale under 21 della Svizzera. Adam Vass nasce a Kapolnasnyék, in Ungheria, il 9 settembre 1988. Anche lui centrocampista, anche lui giovane talento, anche lui del Brescia dopo un’esperienza nello Stoke City che lo aveva prelevato dal Ferencvaros. Infine Savio Nsereko, nato in Uganda a Kampala il 27 luglio 1989. Ha passaporto tedesco in quanto a 15 anni si trasferì a Monaco di Baviera. Funge da trequartista nel Brescia. «Nsereko? Il Napoli ha sempre avuto un rapporto privilegiato con il Brescia. Rispetto alle altre squadre che cercano Savio, il Napoli occupa la corsia preferenziale», ha osservato Claudio Pasqualin che ha anche auspicato la cessione di Dalla Bona: «C’è da augurarsi che lasci Napoli. Guadagna per starsene in tribuna. È assurdo che accada per un giocatore che ha maturato esperienza e apprezzamenti a livello europeo». Intanto Parma, Palermo e Lecce sono tornate a chiedere Bogliacino. Il Lecce vuole anche Russotto. Marino prende tempo dicendo che i due sono incedibili. C’è ancora un mese per riflettere e per decidere.

Fonte: Il Mattino

LASCIA UN COMMENTO