Napoli travolgente, Roma affondata e Milan sempre più nel mirino

4
85

roma-napoli01-2011Diciotto anni dopo il Napoli sbanca l’Olimpico, spegne i sogni di gloria degli uomini di Ranieri ed accende i suoi perché con la doppietta siglata stasera da Cavani, sempre più capocannoniere con 20 gol, si vede sempre più lanciato alla rincorsa del Milan, distante sempre tre punti.
Una vittoria che fa gettare definitivamente la maschera agli uomini di Mazzarri, per la qualità di gioco che riesce ad esprimere, per la compattezza del gruppo il cui motto più appropriato è sicuramente “Uno per tutti e tutti per uno” dove l’uno è sicuramente rappresentato, manco a dirlo, da Cavani che dopodomani compirà 24 anni. L’instancabile “Matador” azzurro che segna con una facilità impressionante, in pratica tre gol ogni quattro partite dall’inizio di stagione e rendendo difficile anche l’esercizio mnemonico di ricerca per trovare qualcuno nel nostro campionato negli anni scorsi che abbia fatto meglio.. Numeri sensazionali, di caratura internazionale che avranno messo l’acquolina in bocca agli emissari britannici giunti appositamente all’Olimpico per sbirciare i gioielli di De Laurentiis.
Sono giorni difficili per la sponda giallorossa della capitale, Ranieri è un comandante che naviga a vista in acque mosse e se l’orizzonte è ancora torbido sul versante societario in campo le difficoltà non mancano anche per la contemporanea assenza dei centrali difensiva titolari, appiedati dal giudice sportivo. Allora carica i suoi emotivamente impostando il match sul filo dei nervi.
E’ su questo piano che gli azzurri dimostrano una maturità disarmante che mette soggezione ai padroni di casa ai quali viene concessa soltanto una occasione che Vucinic però non trasforma anche perchè sulla strada della rete trova i guantoni di De Sanctis. Il Napoli in realtà vince tutti i duelli, mai messo in difficoltà dalla compassata manovra giallorossa, così pian piano comincia ad impossessarsi delle corsie laterali aggirando la ragnatela ideata da Ranieri e Maggio, galvanizzato anche dalla convocazione di Prandelli, incomincia a spingere come un treno e sfugge sovente sia al controllo di Riise che ai raddoppi di Perrotta mettendo in crisi l’inedita coppia centrale Juan-Cassetti. Man mano diventa sempre più evidente la differenza di velocità tra le due squadre, i partenopei fanno voce grossa in ogni zona del campo, impeccabile in mediana il lavorio di Gargano e Pazienza, due metronomi di precisione svizzera calibrano ogni centimetro delle loro diagonali riuscendo al contempo di portare un pressing molto alto da togliere fiato e ragione persino ad un giocatore di esperienza come De Rossi che con un fallo di frustrazione su Cavani rischia il rosso, Bergonzi lo grazia mostrandogli solo il giallo. Se quindi nella prima frazione il Napoli prende le misure e si rende conto della propria superiorità, nella ripresa affonda decisamente il colpo, il rigore siglato da Cavani spiana la strada ad una prestazione limpida e superba nella quale danno tutti il massimo mostrando una concentrazione da grande squadra di fronte alla quale la Roma capitola per la seconda volta e nulla può per raddrizzare la partita.
La classifica parla da sola, non si tratta di gettar giù la maschera, gli azzurri sono ormai lanciati alla volta del Milan, ormai è lecito sognare traguardi più ambiziosi e proprio per questo Mazzarri si è già allertato nei panni del pompiere.

Antonello Greco – Redazione NapoliSoccer.NET
 

4 Commenti

  1. Immensoooooooooooooooooooooo Napoli!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!
    Il Sogno continua!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!
    anche ai lupacchiotti abbiamo tolto i denti!!!!!!!!!!!
    ora occorre spegnere il diavolo!!!!!!!
    forza Napoli e w Napoli!!!!!!!!!!!

  2. che napoli!!! tatticamente perfetto e cavani punta di diamante cinico e freddo sotto porta!!!
    ps. ora tosel non perdera’ occasione dopo l’assist fornitogli dal pocho.. peccato.. (unica nota dolente di una gara perfetta!)
    FORZA NAPOLIIIIIIIIIIIIIIII!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here