Il prossimo avversario: la Roma

1
28

Ritorna il campionato ed il Napoli si trova subito a giocare contro una delle migliori squadre della serie A: la Roma. La formazione giallorossa, allenata dall’ottimo Spalletti, probabilmente gioca il miglior calcio in Italia già da qualche anno ed ormai si è stabilmente attestata anche ai vertici del calcio europeo.
In questo calcio d’agosto la Roma ha già disputato una partita che conta, quella valevole per la supercoppa Italiana contro l’Inter. I capitolini sono stati sconfitti (ai calci di rigore, determinante l’errore di Totti) e da questa gara sono emerse alcune importanti indicazioni, una su tutte la mancanza di sincronizzazione dei meccanismi di gioco. A quanto si è visto il tecnico non ha ancora trovato la quadratura giusta ed i nuovi arrivati non sono parsi ben nseriti nell’ossatura base della formazione. Inoltre lo sviluppo del gioco non appare fluido come in passato anche per la mancanza di esterni di ruolo che nel breve periodo potrebbe incidere sui risultati. Dal punto di vista fisico la squadra appare in forma precaria e questo potrebbe essere un grave handicap visto i  15 giorni in meno  di preparazione rispetto al Napoli. Da non sottovalutare poi l’incidenza negativa della sconfitta in supercoppa sul morale della squadra che pensava di dedicare un’importante vittoria la compianto e da poco scomparso presidente Sensi.
A tutto questo bisogna aggiungere le oggettive difficoltà che avrà mister Spalletti nello scegliere l’undici titolare, visti i tanti infortunati e le brutte notizie che continuano ad arrivare dall’infermeria. Il tecnico, appunto, dovrà far a meno del capitano Totti, di Taddei e di Perrotta e ciò potrebbe influire  negativamente sul rendimento della squadra. La Roma, infatti, è una squadra un pò narcisista e questo spesso porta i giocatori a non pungere con efficacia gli avversari. C’è, comunque da dire, che la Roma, se è in giornata è in grado di regolare qualunque avversario. Spalletti conosce bene i suoi uomini e le loro potenzialità così come quelle dei partenopei e farà di tutto per scongiurare un risultato negativo che, di certo, non gioverebbe alla causa giallorossa.
Dal punto di vista tattico la Roma si schiererà in campo secondo l’ormai collaudato modulo 4-2-3-1. Il portiere brasiliano Doni, che offre ormai garanzie certe, difenderà la porta romanista coadiuvato – nel reparto arretrato – dai quattro difensori che dovrebbero essere Cassetti, Mexes, Juan e Riise. Con Cassetti e Riise che, in fase offensiva, agiranno sulle corsie laterali in appoggio ai centrocampisti, mentre Mexes e Juan stazioneranno al centro. Il reparto, seppur forte sulla carta contro l’Inter è parso in difficoltà soprattutto nella zona centrale dove Juan appare fuori forma. Probabile l’impiego di Panucci per contrastare in velocità Lavezzi.
A centrocampo, viste le assenze, le scelte di mister Spalletti sembrano abbastanza limitate anche se questo reparto, composto da giocatori di enorme valore, è in grado di assicurare continuità di rendimento indipendentemente dai titolari. Dovrebbero avere un posto da titolare Cicinho, De Rossi, Aquilani, Pizarro e Baptista. Il quintetto si schiererà con De Rossi e Pizzarro al centro, a copertura della difesa e con il compito di recuperare palla e far ripartire la manovra mentre gli altri proveranno a dar man forte all’unico attaccante, il montenegrino Vucinic che, sfruttando i suoi guizzi, fungerà da catalizzatore della manovra offensiva e finalizzatore del gioco romanista.
Grande attesa e curiosità per l’ex Real Madrid Baptista che nella gara di supercoppa ha dimostrato di avere i numeri ma non la condizione fisica. Difficile che trovi già spazio il neoacquisto Menez, (un centrocampista offensivo molto efficace) e pertanto con lui in panchina si accomoderanno anche Artur, Tonetto, Brighi, Loria, Panucci ed Okaka, che all’occorrenza potrebbero essere utili alla causa romanista.
La partita si preannuncia interessante e combattuta, finalmente con una cornice di pubblico degna vista la presenza di entrambe le tifoserie che all’Olimpico avranno di che divertirsi.

Gianni Doriano
 

1 COMMENTO

  1. Il Napoli si presenta con la formazione tipo mentre la Roma ha alcuni problemi importanti di formazioni come Taddei-Perrotta-Totti e inoltre noi fisicamente dovremo stare meglio x aver iniziato prima la preparazione!Io credo ke possiamo giocarcela a viso apero!Forza Napoli

LASCIA UN COMMENTO