Calcio: Consob su Lazio, c’era patto parasociale

0
106

La Consob ha accertato ”l’avvenuta stipulazione di un patto parasociale stipulato tra Claudio Lotito e Roberto Mezzaroma, avente a oggetto l’acquisto di concerto di azioni ordinarie della SS Lazio spa, pari a circa il 14,61% del capitale della societa’. Il patto e’ stato stipulato quantomeno il 30 giugno 2005 e ha comportato il superamento della soglia rilevante ai fini dell’opa obbligatoria”. Lo comunica la Consob in una nota precisando che ”non essendo stati adempiuti gli obblighi previsti dalla disciplina dei patti parasociali e non essendo stata promossa l’offerta pubblica di acquisto entro il termine di trenta giorni dal superamento della soglia rilevante, risultano applicabili” alcune disposizioni. ”In particolare, si applica il divieto di esercizio del diritto di voto relativo alla partecipazione posseduta da Lotito (anche indirettamente, per il tramite di Lazio Events) a decorrere dal 6 luglio 2005 e fino alla data di alienazione della partecipazione eccedente il 30% del capitale sociale della Ss Lazio, pari a 9.806.603 azioni, corrispondenti a circa il 14,48% del capitale sociale”. Per acquisire il diritto di voto, Claudio Lotito dovra’ alienare il 14,48% del capitale della Lazio, cioe’ la quota ai tempi del patto parasociale accertato eccedente il 30% del capitale. Il patto occulto fra Lotito e Mezzaroma risale al 2005, a quando Capitalia decise di dismettere la propria partecipazione nella squadra di calcio. Il 30 giugno 2005, infatti, l’istituto romano ha ceduto il proprio 14,64%, di cui il 14,61% e’ stato acquistato da Mezzaroma. Lotito, a quei tempi, deteneva il 29,89% del capitale sociale della SS Lazio. L’investimento che Mezzaroma fece ”non era stato il frutto di un’autonoma scelta, ma era stato concordato con Lotito”, si legge nella delibera Consob che accerta il patto occulto fra Lo stesso Lotito e Mezzaroma. Nella delibera, la commissione precisa che in seguito all’accertamento sono previste alcune disposizioni nei confronti di Lotito, ai sensi degli articoli 110 e 112 del Testo Unico della Finanza. In particolare l’articolo 110 riguarda la sospensione del diritto di voto, mentre il 122 invece i patti parasociali, che dovrebbero essere comunicati alla Consob entro cinque giorni dalla stipulazione.

Fonte: ANSA

Condividi
Articolo precedenteCalcio: Gussoni chiude a confronto con la stampa
Prossimo articoloCalcio: Parte “Siamo tutti CT” di Radio Kiss Kiss
Giornalista sportivo, appassionato di calcio e, da sempre, tifoso del Napoli. Dal 2004 partecipo al progetto Napolisoccer.NET condividendone obiettivi e speranze, con l'unica finalità di fornire ai lettori un'informazione corretta e neutrale, scevra da pregiudizi e fuori da ogni logica di interesse. Napoletano convinto, nutro amore e passione incondizionata per "Terra mia", "Napul'è" e per la maglia azzurra.


LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here