Bigon: “Nessun complotto arbitrale. Il problema è l’uniformità di giudizio”

18
33

Nessun complotto ai danni del Napoli. In calce la firma del direttore sportivo Riccardo Bigon che allontana a Marte Sport Live gli ‘strani pensieri’ che stanno agitando i tifosi. Linea soft per stemperare le tensioni: "La settimana prima di Udine, la questione arbitri è stata solamente accennata e s’è creato un clima surreale secondo il quale noi siamo quelli che piangono e si lamentano". Necessaria, insomma, chiarire la strategia della società: "Ne ho parlato a lungo con il presidente De Laurentiis e abbiamo condiviso la strada da seguire. Non presentiamo né dossier, né ricostruzioni". L’idea è tanto semplice quanto chiara: "Non credo alla possibilità di un piano ordito ai nostri danni per impedire la nostra crescita in classifica. Lo dico in maniera molto tranquilla perché conosco il designatore Collina e il presidente Nicchi. Sono professionisti e lavorano in maniera ineccepibile". Ma la giornataccia di Udine resta. E non è un caso isolato. "E’ un dato di fatto che ci sono stati episodi negativi che ci hanno condizionato". Il Napoli ha perso dei punti: "Sicuramente, almeno 5-6 e nessuno ce li restituirà al termine della stagione. Ma ho la certezza che sia accaduto per un momento di sfortuna oppure per poca forma dei direttori di gara". Damato lo era senz’altro: "La partita di domenica ha dimostrato che undici contro undici avremmo vinto, dieci contro undici abbiamo sfiorato il colpaccio. Abbiamo dimostrato forza interiore e un’identità consolidata. Se Pazienza non avesse preso il palo, parleremmo di altro. Qualche svista – però – c’è stata". Più di una. Il rigore, l’espulsione di Maggio ("è un esempio di fair play") e il mancato rosso a Lukovic: "E’ stato ammonito Inler per sbaglio". Bigon puntualizza anche sul suo allontanamento: "Mi scuso, non mi era mai accaduto. Però voglio dire che non è stato l’atteggiamento di una persona inesperta, ho letto da qualche parte che la panchina – intesa come i suoi collaboratori – di Mourinho è la più squalificata d’Italia perché interloquiscono molto durante la partita. Anche lui fa così, ma l’atteggiamento nei suoi confronti è diverso perché s’è meritato considerazione e ha maggiore autorevolezza. E’ anche normale che spesso con lui ci si comporti in maniera diversa, questo lo dico solo per ribadire che il mio non è stato un gesto sconsiderato, ma un intervento che ritenevo opportuno fare. Non ho offeso nessuno, mi sono rivolto all’arbitro con una certa foga in un momento delicato della partita. Ho sbagliato i toni e pago. Abbiamo perso la partita per una serie di circostanze, tra le quali una serie di errori dell’arbitro". Neanche il computo dei rigori (3 nelle ultime 4 partite): "Tranne il Genoa, non ne abbiamo subito nessuno clamoroso". Il problema, insomma, è un altro: "E’ l’uniformità di giudizio, gli episodi non si giudicano alla stessa maniera. E’ il nocciolo della questione". Bigon auspica un clima diverso: "Mi piacerebbe sentire la voce degli arbitri, magari non come interviste nel dopo partita, ma un’analisi sul sito ufficiale per capire determinate decisioni avvicinando così tutte le componenti". Il diesse rassicura con forza la gente: "Nel mondo del calcio, il Napoli c’è e non si fa sentire. Venerdì il presidente è stato in Lega tutta la giornata". Si va avanti, insomma: "Chiariamo un altro concetto. Il Napoli non cerca alibi o giustificazioni, noi vogliamo concentrarci sui risultati che stiamo ottenendo per conquistare il massimo possibile". I tifosi stanno pensando ad alcune iniziative, la panolada oppure la maschera di Collina: "Come Napoli, non posso certo appoggiare ufficialmente queste forme di protesta. Certo, se la gente sventola un fazzoletto bianco, ci può stare. L’importante è non eccedere. Gli incidenti del Friuli non c’entrano con i nostri appassionati. Bisogna isolare i facinorosi. Concentriamoci unicamente sulla partita con l’Inter". Può tornare Lavezzi: "Ci è mancato, gli abbiamo anche rinnovato il contratto. Chiaro che è per noi è fondamentale". Chiusura sul mercato: "Abbiamo sfoltito la rosa come dovevamo fare. Abbiamo accontentati anche alcuni giocatori che voleavano maggiore spazio. E’ andato via pure De Zerbi, lo voglio ringraziare perché ha accettato una soluzione come quella del Cluji. Dossena? Era quello che ci serviva. Per il resto abbiamo una nostra strategia come società che non cambiamo. Il mancato arrivo di un attaccante? Ma chi prendevamo? Noi abbiamo Denis, Quagliarella e Lavezzi, poi c’è Hoffer che poteva tornare soltanto al Rapid Vienna e non l’ha voluto. E poi chi va in panchina? Non siamo a metà classifica, siamo lì e la squadra sta facendo bene. Pandev? Andate a vedere quanto guadagna e noi non siamo in competizione con Inter, Juve, Mllan e Roma per quanto riguarda gli ingaggi. Il nostro livello è Palermo, Sampdoria, Udinese e in parte Fiorentina. Restiamo coi piedi per terra, noi stiamo cercando di fare di più, ma non dimentichiamo la nostra base di partenza".

Fonte: Radio Marte

18 COMMENTS

  1. ….e dopo le rapide… il fiume ritorna a scorrere lento…sempre nella stessa direzione…nord.Ma neanche con un cataclisma cambia.Mi sento come se avessi ingerito un cadavere in putrefazione.

  2. Non sono d’accordo con Bigon. Gli arbitri erano vicini e hanno visto tutto. Inutile che facciamo il solito giro di parole, ci stanno imbrogliando e basta.

  3. il mio precedente post e’ stato censurato,non capisco il motivo non ho offeso nessuno,la parola ca….era rivolta alla mia persona nel senso che le dichiarazioni bigon mi hanno fatto ingoiare un boccone amaro,allora forse perche’ ho detto che domenica inneggero all’inter che ha un allenatore con i cosidetti e non le manda a dire?allora chiedo scusa ma sono fatto cosi alle ingiustizie io reagisco(parlo di reazioni CIVILI,sia ben chiaro)dISTINTI SALUTI

  4. bigon sei venuto a napoli per fare che cosa !!!! sei solo il ragazzo di bottega che chiude le trattative !!!! il giocattolo e’ del ns caro presidente che deve sapere che se il napoli non ha potere decisionale nel palazzo, la colpa e’ sua ,lui che sa’ solo specchiarsi e si vuole tanto bene !!! si ama per le stronzate e cappelate che dice quei turpiloqui contro il palazzo che ti rompi il caz… anche a sentirlo e tutto cio’ lo paghiamo sul campo !!!!! lui non fa un caz…. per questa squadra !!!! i campioni non li compra ma vuole arrivare in coppa campioni!!! e bravo solo a chiacchiere e chiedere soldi ai napoletani !!!! sparla dice che e’ tutto da rifare lega , champions ,uefa league bla bla bla ! chiacchiere chiacchiere bla bla bla !!! e zact!!! e’ questi ce lo mettono al quel posto !!! dice bene ferlaino manca una presenza nel palazzo un presidente piu’ umano e meno affarista perfino zamparini e in confidenza con nicchi !!!!

  5. siamo qui’ sempre a commentare un sistema da sempre distorto e poco limpido.
    il Napoli non vuole regali da nessun arbitro o chi che sia.il Napoli ha solo bisogno di avere cio’ che si e’ meritato in campo. nel calcio ci sono milioni emilioni di euro in introiti vari e anche chi gioca le schedine non puo’ non fare 14 perche’ un arbitro ha falsato un risultato. la mo viola in campo e’ diventata d’obbligo tutti insieme la dobbiamo pretendere. per riguardare un’azione non vista bastano meno di trenta secondi e noi italiani la pretendiamo….viva la mo viola in campo.e forza Napoli.

  6. Ragazzi proprio non capite. Quello del silenzio è una strategia. Tanto lamentarsi e urlare al vento non serve a nulla. Dopo le dichiarazioni di De Laurentiis e di Mazzarri che chiedevano maggior attenzione da parte degli arbitri poi cosa è successo a Udine? Bisogna seguire una stategia a lungo termine entrando in Figc per cercare di costruire un sistema più trasparente per la selezione degli arbitri.

  7. posso essere anche d’accordo con bigon in riferimento al fatto che il palazzo non vuole fermare il napoli………però ho fatto un piccolo calcolo:
    il napoli con il rigore non dato contro il genoa, e con il rigore non dato contro l’udinese si trova con – 5 punti , che sommati ai 38 punti che ha, sarebbe a 43 punti, ad un solo punto dalla roma….se la juve non avesse avuto il rigore inesistente contro la lazio e il gol in fuorigioco a livorno avrebbe 2 punti in meno e cioè 33 punti. fatto presto il calcolo – 10 dal napoli. oggi invece ci troviamo solo a – 3 punti………..se questo non si chiama potere del palazzo ditemi voi che cosa è?

  8. x qualche laureato in scienze confuse ..che cia’bboff semp a ual…..r cu ferlain ..che se era un presidente come si deve ..altro che 2 scudetti e la coppa uefa avevamo!!!….x che non ci fai dire dal tuo amato presidente dove se li e’ portati tutti i soldi che gli a fatto guadagnare il solo maradona? c’e’ poco da fare vuoi farti volere bene dalla gente? ….prendila x il c……

  9. Ma quale strategia… la strategia di farselo mettere sempre in quel posto….
    De Laurenti si illude che stando zitto e buono quelli piano piano lo fanno entrare nel sistema, ma non è così. Il rispetto lo devi pretendere, se fai sempre la pecorella il lupo ti magna…

  10. bigon 6 peggio di marino…noi cm il palermo il genoa, la samp? noi siamo il NAPOLI e nessuno è come noi nemmeno le odiate squadre del nord! vattene da napoli 6 solo un mercenario! vabbè ke la colpa è tutta di de laurentiis! ci avete rotto! noi vogliamo un grande napoli! lo sai ke vi dico mo mi vado a vedere il dvd di maradona! ONORE A KI HA SCRITTO LA NOSTRA STORIA! DIEGO TI AMO E TI AMERO’ X SEMPRE!

  11. Se non siamo in competizione con inter milan roma juve di che ca….o stiamo a parlare, e come dire che punteremo sempre al massimo al quinto posto? ma che ca…o di strategia è questa!!! Noi siamo il Napoli e dobbiamo
    competere con le grandi ed un quinto posto sara’ sempre per noi un fallimento caro lecchino del Dela ….Ricordatelo sempre tu ed il tuo presidente ragioniere.

  12. Che delusione ragazzi!!!! Parole mortificanti dette anche dai nostri traghettatori. Mi sento ancora più piccolino. Stanno chinandosi alla MAFIA DEL CALCIO!!!!! altro che strategia……. Forza Napoli comunque il mio cuore è e rimarrà sempre e solo azzurro solo questo so di certo e allora posso fidarmi solo della mia fede??????’ Napoletaniiiiiiiiiii……..

  13. Adesso avete capito con chi ci dobbiamo misurare. Non con le 4 grandi ma con Fiorentina Genoa Lazio Bari Sampdoria Cagliari Parma. E voi vi incazzate ancora. E’ tutto scritto, rassegnamoci a campionati mediocri e godiamoci questo solitario 4 posto finchè possiamo….

LEAVE A REPLY