Napoli-Udinese vista dal tifoso: tre uova di Pasqua per tutti i sostenitori azzurri!

0
694

passionepalloneLa partita di ieri sera vista dal cronista tifoso. 

Napoli-Udinese 3-0 e il Napoli mette nel mirino il secondo posto! Tre gol, tre punti e tanti applausi, nonostante un primo tempo abbastanza sofferto.

Primo tempo insolito in casa Napoli, dove non tutti i soliti indici di gioco compaiono nelle statistiche. Stesso modulo, stessa scaramantica maglia diversa dall’azzurro classico, alto numero di corner (ben 10), stessa alta percentuale di possesso palla, ma poche, pochissime palle goal. In 45 minuti si contano un velleitario colpo di testa di Albiol da calcio d’angolo e un tiro fuori misura di Insigne dai 16 metri. Troppo poco per una squadra che aveva la ghiotta occasione di avvicinarsi sempre di più alla Roma in classifica per la corsa al secondo posto. Merito dell’Udinese e del suo gioco sparagnino, ma efficace, tutto volto alla possibilità di strappare un prezioso punto, ma anche demerito del Napoli, spesso imbrigliato in casa, soprattutto quando gli avversari scelgono di non fare gioco, ma semplicemente di distruggere quello avversario.

Delneri maschera il suo 4-3-3 affollando la linea mediana del campo, dove spesso sia Thereau che De Paul indietreggiano, lasciando il solo ex Duvan in avanti e confezionando una difesa a 4 molto chiusa, che spesso trova in Badu il quinto uomo di copertura. Sarri per tutto il primo tempo è rimasto quasi sempre in silenzio, seduto sulla sua panchina a scrivere numerosi appunti e a cercare una strategia d’attacco efficace per arginare il muro friulano. Una “partita non partita” insomma, con un attacco imbrigliato e un centrocampo azzurro apparso un po’ sottotono in tutti e tre i suoi protagonisti, da Jorginho, ancorato al suo compito senza mai alzare i ritmi, a un Hamsik con poche idee, fino ad Allan, tradito dall’emozione e dalla stanchezza contro i suoi ex compagni.  

Era prevedibile che il secondo tempo potesse offrire uno spettacolo diverso e la previsione si è avverata. Napoli che parte subito forte e dopo due minuti trova già il vantaggio. Il falso nueve ma bomber autentico Mertens, alla prima palla gol trafigge Karnezis. Le prove incolore dei centrocampisti azzurri, cambiano completamente nella ripresa, soprattutto quelle di Jorginho e Allan. Il primo confeziona una verticalizzazione d’appalusi per il primo goal di Mertens, il secondo trova addirittura il goal dell’ex che chiude la gara. Tra il primo e il secondo gol c’è l’unica vera occasione friulana con Duvan Zapata bravo e sfortunato a cogliere il palo di testa, per un gol che poteva cambiare in negativo la prova degli azzurri.

Scampato il pericolo il Napoli torna padrone del campo e a macinare gioco ed occasioni. Callejon trova il terzo gol augurando una buona Pasqua a tutti i tifosi. 3-0, tutti sotto la curva a festeggiare e Roma sempre più vicina. Tanti auguri Napoli, la primavera è azzurra!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here