Pistocchi: “Il Napoli ha un problema d’identità individuale e di gruppo”

0
511

emp-nap marzo 2017 squadraLe parole del giornalista Mediaset Maurizio Pistocchi dopo Empoli-Napoli. 

Maurizio Pistocchi, giornalista di Mediaset Premium, è stato intervistato oggi su Radio CRC nel corso di “Si gonfia la rete”. Queste le sue dichiarazioni sintetizzate per i nostri lettori dalla redazione di NapoliSoccer.NET. 

“Insigne ha dimostrato di essere un giocatore molto importante per il Napoli, non solo per i gol segnati, ma per la continuità di prestazioni. È opportuno che il Napoli e gli agenti del calciatore si incontrino per trovare un accordo per il futuro anche perché Insigne rappresenta la napoletanità. 

Io spero che in questo il Napoli cresca e lo faccia attraverso una crescita individuale, per poi costruire un gruppo solido. Gli esempi di quest’anno sono troppi, troppe rimonte, troppi goal subiti, troppe partite ormai chiuse a favore e poi riaperte. Evidentemente la problematica è questa: sia individuale che di gruppo. 

Tutto il gruppo deve avere la stessa identità, avere lo stesso obiettivo ed avere mentalmente la stessa concentrazione. Poi ci sono i leader del gruppo, ad esempio alla Juventus sono Bonucci, Barzagli, Buffon. C’erano anche al Milan degli invincibili i vari Maldini, Baresi, Tassotti, Costacurta, Ancelotti, tutti giocatori che guidavano lo spogliatoio e davano la vera identità.

Il problema del Napoli è questo: non c’è un gruppo di giocatori italiani che dia a questa squadra e al resto dei giocatori l’identità, la capacità di capire cosa è il Napoli e cosa rappresenta. Non è un discorso campato per aria. È più facile per un italiano trasmettere questo tipo di identità che per un calciatore straniero. Uno straniero non ha l’identità che ci vuole in certe situazioni”.

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here