Mazzarri: “Ci stiamo abituando a lottare su tre fronti”

6
21

mazzarri-europa-league05"Cavani ieri ha detto che non ci poniamo limiti, è questo il credo del Napoli"
Il tecnico del Napoli Walter Mazzarri è intervenuto in conferenza stampa per parlare della sfida di Coppa Italia di domani sera con l’Inter. Queste le dichiarazioni del mister riportate da Radio Marte: “Il ruolo di anti-Milan non mi interessa, non facciamoci distrarre. Domani abbiamo una partita importante e affrontiamo una squadra che ha un livello pazzesco. Sono reduci da una sconfitta e avranno la carica giusta, difficilmente sbagliano due partite di fila. Le mie energie sono tutte concentrate su quest’aspetto, serve la prestazione perfetta per superare questo turno”.
Mazzarri ha sfiorato il successo in Coppa Italia quando era alla Samp: fu sconfitto in finale contro la Lazio: “Perdemmo ai rigori, l’ultimo lo sbagliò Campagnaro. Sono molto coerente, questa squadra deve proseguire il suo discorso di crescita anche a livello di mentalità. Ci stiamo abituando a lottare su tre fronti, siamo andati avanti in Europe League, in campionato siamo lì, in Coppa ci proveremo. Vogliamo affrontare tutte le partite al massimo. Domani è un altro test, ci stiamo abituando a giocare ogni tre giorni. E’ fondamentale per la nostra crescita, vogliamo andare oltre. Cavani ieri ha detto che non ci poniamo limiti, è questo il credo del Napoli. Alla fine tireremo le somme e i bilanci. Se fosse per me, vorrei vincere sempre, ogni sconfitta è una pugnalata, sto male fino alla gara successiva”.
Sul fronte formazione, c’è qualcosa da verificare: “Dossena non sta ancora bene causa influenza, altri hanno avuto questi problemi. Ricordate che abbiamo perso 3-1 con l’Inter, in quella partita non si è visto il Napoli che dà tutto al 120%, quindi voglio mandare in campo gli stessi che hanno giocato a San Siro anche per un motivo d’orgoglio. C’è un grande equilibrio, questo campionato non ha partite scontate. I campioni ci sono, è migliorato soltanto nelle formazioni che hanno valori meno importanti ma sopperiscono con l’organizzazione”.
Il Napoli ha mostrato il piglio della grande: “A Bari abbiamo mostrato maturità, ma io sono pignolo. Un paio di cose non mi sono piaciute: dobbiamo sempre migliorare. Sull’1-0 abbiamo lasciato qualche spiraglio di troppo ai pugliesi e poi ci portiamo dietro il solito vizietto, dovevamo segnare prima il secondo gol. Comunque la crescita c’è stata, abbiamo fatto tanti progressi, siamo l’unica squadra ad aver conquistato sei vittorie in trasferta assieme al Milan. Il compleanno di Ruiz? Non lo sapevo, ci penserò nel momento in cui ci sarà l’ufficialità della trattativa. Se arriva, vuol dire che è stato apprezzato da tutti con la speranza che faccia bene come chi sta già qua”.
Cavani e Lavezzi sono i grandi protagonisti: “Il Pocho può fare ancora di più, l’importante è che giochi come ha fatto a Bari. Deve essere concreto e applicare quello che io gli dico. La coppia con Cavani, al momento, è perfetta. Se siamo secondi in classifica, è anche merito loro. E’ fondamentale pure Hamsik, quindi non dimentichiamolo”.
In città c’è grande entusiasmo: “Deve essere benzina nel nostro motore. Comunque la nostra gente è equilibrata, è contenta di sognare, ma è realista. C’è un connubio tra noi e il nostro pubblico, si percepisce pure allo stadio”.
L’Inter ha tanto rispetto: “Nessuno ci snobberà più, noi non molliamo mai e possiamo mettere in difficoltà chiunque. Sono convinto che faremo una grande prestazione, poi vedremo il risultato. Se dovesse andar bene, avremmo ancora più forza e convinzione in campionato, altrimenti ci rialzeremo come è già accaduto in passato. Champions e scudetto? Non pronunciamo nessuna di queste due parole e vediamo dove arriviamo”.
Redazione NapoliSoccer.NET – Fonte: Radio Marte

6 Commenti

  1. La mentalità deve essere assolutamente la non sudditanza psicologica e la consapevolezza che la squadra da battere siamo NOI. Forza ragazziiiii siamo troppo belliiiiii!!!!!
    Tocchiamo ferro:-)))

  2. Mazzarro adesso inizia anche ad imparare ad allenare una rosa folta ,perche’ l’ allenatore bravo ad allenare solo 11 uomini non ci serve per il futuro.

  3. mazzarri sà cosa fare,non ha bisogno di consigli,certo anche lui può sbagliare ,
    io però insisto nel dire che noi dobbiamo essere molto fortunati per vincere qualcosa con la squadra che abbiamo.
    immaginiamo solo per un attimo se si infortuna cavani..o lavezzi?
    forza napoli.

  4. ulisse qndo parli tu o qlc altro pseudo-tifoso io tocco sempre il corno che porto con me, voi non siete tifosi ma solo gente che gode sulle disgrazie altrui……uscite fuori solo prima della partite e se vanno male sparate a O, poi se si vince scomparite per qlc giorno giusto in tempo per mangiarvi o limon…ahahahah !!!
    Cmq antiPanico com’è brutto qndo una persona crede di sapere ma non sa una nulla sto fatto che MAZZARRI non vuole una rosa folta è un idea dai giornalisti, reputo MAZZARRI il nostro valore aggiunto sono stati venduti molti giocatore xchè molti non volevano rimanere a NAPOLI e poi se fossero rimasti cmq il Napoli non è che poteva comprare sempre, avvolte fate ragionare il cervello….
    CMq MAZZARRI pensaci tu,già sai kè fà 😀
    FORZA NAPOLI

  5. vorra’ dire e speriamo di no!!!! che gli altri dovranno lavorare ancora di piu’ del resto quando e’ mancato lavezzi abbiamo vinto sempre! almeno cosi’ mi pare. comunque non siate scettici mazzarri sa sempre come comportarsi e comunque….. qualsiasi sia il risultato finale,brutte figure non ne facciamo.forza napoli.

LASCIA UN COMMENTO