La Sibilla Supera il Fidene e Sogna la C2: Bacoli come Napoli Balza al Secondo Posto

1
18
Sei partite senza subire alcun goal, ed uno score di vittorie dal sapore di promozione: la Sibilla Bacoli si sbarazza con qualche difficoltà di troppo anche di un buon Fidene raggiungendo il secondo posto in classifica. Partita dalle due facce quella andata in scena al “Chiovato” di Baia in cui, dinanzi ad un esiguo numero di spettatori, la squadra di Carannante, dopo aver subito le folate offensive dei laziali nella prima frazione di gioco, ha poi dominato la gara con un uno-due realizzato nei primi 25 minuti della ripresa. Pronti via e l’intraprendete Fidene manovrava con grossa velocità sulle fasce laterali costruendo, attraverso continui scatti e sovrapposizioni, una trama di gioco fatta di tanto movimento e di pochissimi punti di riferimento. Difatti, ai quattro difensori in linea, mister Chirico riponeva le chiavi della squadra tra le gambe degli esperti Cangini e Sabatino i quali sfruttavano le verticalizzazioni dei giovanissimi Randane, Pignalberi e Manganelli posti alle spalle dell’unica punta Massella. E così nei primi 15 minuti il Fidene, in maglia rossa, andava vicina al goal del vantaggio mantenendo un buon ritmo sino all’intervallo. La Sibilla invece recriminava per una rete non convalidata dall’assistente donna Conticelli per un presunto fuorigioco, per una super parata di Lauri su Mendil, e ringraziava la poca precisione dei propri avversari che non riuscivano a sbloccare la partita. Mister Carannante scuote però i suoi negli spogliatoi e la partita, grazie proprio ad un suo schema, cambia. Manzo batte il calcio d’inizio e tocca indietro verso Ciro Poziello che con un lancio va a premiare il triplice scatto sulla destra delle torri Martone, Mendil e Temponi. L’arbitro fischia una punizione, battuta da “Big-Tommy” che in area trova proprio lo stacco del “ragionier” Temponi. Esplode il “Chiovato” e la Sibilla mette la freccia raggiungendo in graduatoria una straripante Aprilia. Da questo momento in poi è quasi un monologo biancoazzurro corollato da azioni velocità e da svariati calci di punizione. Da uno di questi sempre Manzo costringe Lauri a salvarsi in calcio d’angolo negando la gioia del raddoppio bacolese. Dal corner però la retroguardia laziale non riesce a frenare l’impeto del centrale Castaldo che, dopo aver praticamente chiuso a doppia mandata la porta difesa da D’Auria, accende la miccia della torcida flegrea con un goal di testa chiudendo praticamente la partita.
 
Interviste: Nel freddo pomeriggio del “Chiovato” si notano con ancor più limpidezza i calorosi abbracci e gli affabili sorrisi del team flegreo oramai, al di là delle dichiarazioni di rito, ben conscio delle proprie potenzialità. “Sarà l’Aprilia a vincere questo campionato. Sono una squadra molto forte ed hanno un potenziale fatto di tanti giocatori di grosso valore. Sono loro la squadra da battere”. Allontana subito da sé i riflettori dell’alta classifica mister Carannante che, dopo la sonante sconfitta patita dalla Viribus, è balzato in seconda posizione proprio in compagnia dei temibilissimi laziali. “Oggi abbiamo giocato una buona partita. Nel corso del primo tempo il Fidene c’ha un po’ sorpresi anche perché non davano punti di riferimenti e quindi siamo andati in grossa difficoltà. Avevano solo una punta centrale. Hanno corso tantissimo e di certo non potevano sostenere questo ritmo per tutto il corso della partita. Nella ripresa difatti sono calati e noi abbiamo approfittato segnando due importanti reti che ci hanno permesso di vincere”. L’allenatori bacolese ha poi analizzato il suo metodo di gioco: “Ci troviamo bene con le tre punte e penso che giocheremo sempre in questo modo. In panca, quando mancano i tre titolari, possiamo contare sempre sul giovane Bagnoli. Dovrà migliorare sotto porta perché sbaglia ancora troppi goal. Col tempo però miglioreremo tutti”. Un’evidente soddisfazione che coinvolge anche il resto della squadra tra cui il metronomo Carlo Temponi, autore della rete del vantaggio. “Ho segnato un bel goal e sono felicissimo per la vittoria. Avevo già segnato contro il Tavolara ma è la prima volta che festeggio una rete dinanzi al pubblico di Bacoli. Nelle ultime partite non abbiamo preso goal e questo ci permette di essere di certo avvantaggiati perché, con quel tridente che ci ritroviamo, prima o poi il goal lo realizziamo. Di certo la squadra ha trovato i giusti equilibri”.
 
 
BACOLI SIBILLA FLEGREA – FIDENE 2-0
 
 
BACOLI SIBILLA FLEGREA: D’Auria 6,5, Rainone 7, Piccolo 7, Carannante 6 (22’ st Bagnoli sv), Castaldo 7, C. Poziello 7, R. Poziello 6, Temponi 7, Martone 7,5, Manzo 6,5 (40’ st Andreozzi sv), Mendil 6 (22’ st Conte sv). A disp. Salemme, Coccorullo, Maiuri, Di Luccio. All. Carannante 7
 
FIDENE: Lauri 6,5, Esposito 6, Ramdane 6,5, Cangini 6, Pollini 5,5, Corazzini 5,5, Pignalberi 6 (30’ st Angrisani sv), Sabatino 6,5, Massella 6, Manganelli 6(34’ st Navarra sv), Cesaro 5(9’ st Princigalli 5).A disp. Santi, Iozzino, Pantano, Rolli. All. Chirico 6,5
 
ARBITRO:  De Pasquale di Marsala 5,5
 
RETI: 1’ st Temponi, 25’ st Castaldo
 
NOTE: spettatori 180 circa. Ammoniti: Manzo, Carannante, Andreozzi (BSF), Lauri, Manganelli (F). Angoli: 4 a 3 per il Fidene. Rec.: 0’ pt e 4’ st.

Josi Gerardo Della Ragione – Il Roma

1 COMMENTO

  1. Mitici questi ragazzi , giocano meravilgiosamente ed hanno un Carranante allenatore veramente ad alto livello,,,invito veramente tutti ad assistere una partita della Bacoli Sibilla Flegrea come mentalita’ sembra una squadra alla Zeman ma con una difesa solidissima!!!
    Io tifo per questi ragazzi e spero che arrivino in C 2

LASCIA UN COMMENTO