Lucarelli: “Scudetto? Siamo 23 soldati pronti a tutto”

3
25

Cristiano Lucarelli ha rilasciato una lunga intervista ai microfoni del Mattino. Molti gli argomenti trattati dall' attaccante azzurro. Ecco quanto evidenziato da NapoliSoccer.NET: "Ho aggredito la riabilitazione. Per quattro mesi mi sono allenato sette ore al giorno con il fisioterapista D’Onofrio. Appena arrivato, avrei potuto mai fermarmi per un infortunio dopo 48” ? Ho vinto la sfida anche perché sono a Napoli. Stabilirò io quando smettere, non deciderà un infortunio per me. Sono abbastanza sfrontato e a questa età mi manca soltanto mangiare il fuoco, però al San Paolo ero emozionato. Ora devo recuperare il ritmo e qui non è facile. Quanto corrono, i nostri: sembrano posseduti. Non sono abituato". Su Lavezzi e Cavani: "Essere il sostituto di due così non è un insulto. Studiano da fenomeni. Cavani ha numeri straordinari, però impari a gestirsi: corre tanto e a volte sotto porta non è lucido. Lavezzi ha forza fisica abbinata a tecnica e corsa: riesce a fare tre progressioni in pochi minuti, io resterei imballato per un mese". Sulle ambizioni azzurre: "Scudetto? Difficile. Sogniamo a fare spenti. Ma siamo 23 soldati pronti a tutto. C’è una grande compattezza che spesso ci consente di vincere nei minuti finali. Dal punto di vista tecnico non siamo così inferiori alle big: solo nel Milan, quando esce un attaccante, entra Cassano…".

 Luca Giordano – NapoliSoccer.NET

3 Commenti

  1. Bentornato Cristiano. Ho sempre avuto rispetto e paura quando giocavi contro il Napoli, così come temevo Cavani, quando era un avversario. Considerata l’età, la tua carriera al Napoli non sarà lunga, ma spero che qualche soddisfazione con la maglia azzurra riuscirai a prendertela. In questo modo verrai ricordato per sempre dai caldi tifosi azzurri.
    Auguri.

  2. sono contento x lui anche se non dimentico, al contrario di tanti altri, certi suoi comportamenti contro il Napoli: ora dice che il boato del san paolo è straordinario….. ma solo chi non conosce il cuore dei Napoletani si meraviglia di ciò x poi pentirsi quando si viene in questa splendida città, per poi dispiacersi al momento della partenza dopo aver respirato l’atmosfera di Napoli…e allora…dico a quelli che negli anni hanno rifiutato il Napoli per starsene nelle fredde nebbie torinesi o milanesi stattene dove stai paisà. saluti!

LASCIA UN COMMENTO