L'(inter)totò e lo scudetto dei resuscitati

5
29

Un amico tifoso interista, ripresosi dalla cagarella, mi ha mandato un messaggio: “Bravi, vi siete meritati l’(inter)totò”. Hanno ritrovato la forza e ora ci sfrucoleiano. Ma tiriamo dritti. La nostra non è squadra che nasce dal petrolio e dalla spesa facile. E’ una costruzione di giovani talenti e la formula è “diventeranno famosi”. Alcuni già lo sono diventati, sol frequentando l’ottavo posto in classifica. Ora spetta a Marino e Reja immaginare al meglio la prossima stagione della baby-gang tra campionato, coppa Italia, nazionali estere ed Europa. Servono due squadre di talento (non una) e una preparazione che amalgami vecchi e nuovi. Allo stato attuale la partecipazione all’intertoto sembra sicura. Ma è plausibile il rischio di compromettere il prossimo campionato, nel senso di non riuscire a scalare posizioni rispetto a quest’anno. Va bene i vent’anni, ma tenere su quattro fronti, consolidando il consenso popolare, non è semplice.

Perciò, incrociamo le dita sulla campagna acquisti. Speriamo che sia indovinata. E dico una cosa su Calaiò, senza far conto sui probabili accordi già intrapresi col giocatore. Per me resta un giocatore inespresso nel massimo campionato. Lo darei in prestito, più che vendere il suo cartellino. Dovesse esplodere in un’altra squadra, sarebbe per il Napoli increscioso. Come avere un Borriello tra le mani e non essersene accorti.
A proposito, invece, dei talenti accertati (come Ibra) e dei loro tifosi, mi chiedo: passati i fumi dei festeggiamenti, vedremo il giudice sportivo intervenire sugli incidenti di Parma (con relativi agenti mandati all’ospedale) come si è fatto in precedenza per quelli colorati d’azzurro? O la squalifica del campo è come la monnezza, che sembra appannaggio (finora) solo di Napoli?
L’ultima l’ha detta Matarrese che, interrogato dal giornalista a proposito del Napoli e di De Laurentiis, ha più o meno risposto così: “Tutto bene, poi sa, la città nelle condizioni in cui si trova ha bisogno di un sollievo”. Ma che c’entra? Il Napoli starà su, se ci sarà, perché se lo sarà guadagnato, non perché ha bisogno di consolazione. Ai nostri guai ci pensiamo in altro modo, il pallone non c’azzecca.
Antonio Mango

5 Commenti

  1. la monnezza è un caso a se.. l’inno di nino d’angelo dice… …
    ‘a bandiera tutta azzurra
    Ca rassumiglia ‘o cielo
    E ‘o mare ‘e sta citta’
    Forza napoli
    Rint’all’uocchi’e ste guaglione
    CA SE SCORDANO ‘E PROBLEMI
    E si mettono a canta’

    Napoli……….napoli……….napoli
    LA PARTE IN MAIUSCOLO DICE TUTTO.. forza napoli

  2. Beh, l’intelletto del signor Matarrese mi stupisce sempre di più. Certo che con quei personaggi al vertice…dove cacchio vuole andare il calcio italiano??ahahah!!!

  3. forse esagero!!!!!
    L?ottavo posto del napoli vale molto di più del primo posto dell’inter….anzi dei tre scudetti conquistati dai neroazzurri negli ultimi tre anni e vi dò anche le motivazioni:
    1) l’inter ogni anno ha delle voragini di bilancio intorno ai 200-250 milioni di euro che il suo incapace, e finto, sig. Massimo Moratti (grazie agli aumenti del costo del carburante) risana.
    2)due anni fa l’Inter arrivò quasi a 30 punti dalla testa del campionato. Solo grazie alle penalizzazioni inflitte alle squadre in classifica messe meglio riuscì ad arrivare “prima”.La roma ,estranea alle vicende ,si classificò dietro ai neroazzurri e c’è da chiedersi se ,ipotizzando un miglior piazzamento della roma rispetto all’inter ,lo scudetto sarebbe stato assegnato a Totti e compagni;la riprova naturalmente non esiste.
    3)l’anno scorso l’inter ha vinto uno scudetto che doveva vincere per forza(juve in b milan e fiorentina penalizzate) e così è stato pur non esprimendo il calcio migliore.
    4)quest’anno la compagine meneghina ha vinto uno scudetto in perfetto stile moggiano e ,come moggi qualche anno prima in Champions,in europa è uscita meritatamente perdendo due volte con il liverpool (quarta nel campionato inglese).personalmente non ricordo (io sono del 1974)un solo scudetto vinto dalla juve con tutti questi aiutini arbitrali che sinceramente credo che un decina di punti in più in casa interista li hanno portati.

  4. ottimo articolo, e vorrei fare i complimenti alla società che ha riportato il nome di Napoli in europa, per ora in intertoto e poi si vedrà? Grande zio Tonino, ti seguo con affetto e interesse e forza Napoli

LASCIA UN COMMENTO