Calcio: Anticipo Sampdoria-Juventus finisce in pareggio

0
34

Sampdoria e Juventus chiudono l’anticipo dell’ultima giornata di campionato con un 3 a 3 emozionante. Doppietta per il capitano bianconera, mentre il genietto barese fa un goal, sbaglia un rigore e fa impazzire la difesa avversaria
Del Piero-Trezeguet 21 a 20. Sì, poi ci sarebbero anche Sampdoria e Juve che pareggiano 3-3 per riempire il calendario a classifica già inerte. Ma non è un gioco a squadre l’anticipo "papale" dell’ultima giornata, quanto piuttosto un’amichevole post-campionato organizzata in favore della classifica marcatori. Con i gol, in dis-par condicio, delle due punte bianconere a Marassi, casa del terzo incomodo Borriello (a 19), e tre perle colorate, di Cassano, Maggio e del redivivo Montella. Con le difese in vacanza, e Benedetto XVI in città (domenica), è la benedizione dello spettacolo all’attacco. Un classico estivo riassunto nel primo tempo: 4 gol e un rigore sbagliato, con un pò di sana frustrazione agonistica del duo Tiago-Sissoko, giusto per riscaldare un pò di più il sabato del villaggio, anteprima della domenica-scudetto. Dopo il "buongiorno" di controbalzo di Trezeguet, al 7′ segna subito Del Piero. Gliela mette sul piede un taglio centrale di Nedved, fresco di rinnovo di contratto e ispirazione, il capitano controlla di sinistro e la piazza di destro. È il 20esimo gol, che vale la leadership dei cannonieri, e l’ultimo pezzettino del puzzle convocazioni azzurre. Ma alla Juve ragionano come in Ferrari, e vogliono l’arrivo in coppia delle fuoriserie. E allora ecco al quarto d’ora il bis dell’orgoglio aziendale: Del Piero va in dribbling su Palombo e si fa buttar giù. Il rigore è un gentile omaggio del capitano a Trezeguet. Botta secca, 2-0, 20 a 20. Appena 2′ dopo ce ne sarebbe un altro, di rigore, su Zebina. Ma per Valeri è troppo presto e lascia correre. Come la difesa della Juve, che lascia correre Cassano a sinistra, quello con una finta sola scherza i due piccioni Chiellini e Legrottaglie e poi segna facendo sponda su Molinaro. Trezeguet prova a continuare il dialogo cannonieri di testa, ma è Maggio che si prende lo spettacolo al 40′: gran tiro di esterno destro e angolino. Due a due. Non basta però, perchè centrocampo e difesa sono slabbrati e allora quando Bonazzoli si infila in area, a tempo scaduto, e Chiellini se lo porta appresso in scivolata, Valeri indica di nuovo il dischetto. Cassano però mira dritto per dritto il corpo di Belardi, la respinta gli finisce di nuovo sui piedi, ma ormai s’è impappinato e cicca la seconda chance. Riprende da Cassano il secondo tempo, con Belardi che gli si para di nuovo davanti in uscita, quando ormai sarebbe caldo il 3-2. Ranieri mette dentro Stendardo, che per poco non segna subito di testa, ma non toglie in tempo Sissoko, che becca il secondo giallo per eccesso di foga che gli costerà la prima partita della prossima stagione. Cassano continua a fare free-style sotto gli occhi del vice di Donadoni Bortolazzi. Occhi che però sono tutti per Del Piero, che si prende il secondo rigore (fallo di Accardi), e il gol numero 21, personale eguagliato e opzione sul suo primo titolo di capocannoniere in serie A. Basta evidentemente a Ranieri, che lo tira fuori. Del Piero non è proprio d’accordo, ma si tiene dentro il rospo, saluta i compagni e, sfilando dietro il tecnico, termina il suo campionato con una standing ovation nazional-popolare: "Del Piero in Nazionale", cantano pure i tifosi doriani. Prima che si chiuda il festival grandi firme: entra Montella, Cassano fulmina Stendardo e gli mette sul piede il 141esimo gol in serie A. Tre a tre. Un’abbuffata gioiosa di gol. In attesa del "vero" campionato di serie A.

Sampdoria (3-5-2): Mirante 6; Campagnaro 6,5 (17′ st Sala 6), Gastaldello 5,5, Accardi 5; Maggio 7, Sammarco 6, Palombo 5,5, Franceschini 5,5 (23′ st Delvecchio sv), Pieri 5,5; Bonazzoli 6 (31′ st Montella 6,5), Cassano 7,5. A disp. Fiorillo, Zenoni, Miglionico, Ziegler. All. Mazzarri 6

Juventus (4-4-2): Belardi 6,5; Zebina 6,5, Legrottaglie 5,5 (10′ st Stendardo 5,5), Chiellini 5,5, Molinaro 6; Salihamidzic 5,5 (44′ st Castiglia sv), Sissoko 4,5, Tiago 5, Nedved 6,5; Trezeguet 7, Del Piero 8 (26′ st Palladino sv). A disp. Vanstrattan, Birindelli, Marchionni, Pasquato. All. Ranieri 6

Arbitro: Valeri di Roma 5,5
Marcatori: 7′ pt Del Piero (J), 16′ pt rig. Trezeguet (J), 22′ pt Cassano (S), 40′ pt Maggio (S), 20′ st rig. Del Piero (J), 35′ st Montella (S)
Note: espulso al 15′ st Sissoko (J) per doppia ammonizione. Ammoniti Maggio, Nedved. Recupero 2′ pt e 4′ st. Spettatori 20.000 circa

Fonte: l’unione sarda

Condividi
Articolo precedenteCalaiò e Santacroce out per Roma, i convocati
Prossimo articoloOlimpiadi: Pistorius “Il giorno più bello”
Giornalista sportivo, appassionato di calcio e, da sempre, tifoso del Napoli. Dal 2004 partecipo al progetto Napolisoccer.NET condividendone obiettivi e speranze, con l'unica finalità di fornire ai lettori un'informazione corretta e neutrale, scevra da pregiudizi e fuori da ogni logica di interesse. Napoletano convinto, nutro amore e passione incondizionata per "Terra mia", "Napul'è" e per la maglia azzurra.

LASCIA UN COMMENTO