“La Bastonata” di Napolisoccer.Net. Rudiger e Lulic, il peggio del derby

0
536

bastonata.jpgIl derby della capitale Lazio-Roma, andato in scena domenica pomeriggio allo stadio “Olimpico” di Roma e conclusosi con la vittoria dei giallorossi per 2-0, sarà ricordato, visto il livello non eccelso di gioco espresso dai ventidue in campo, più per la polemica mediatica al vetriolo tra il centrale difensivo giallorosso Antonio Rudiger nei giorni immediatamente precedenti la partita, e il centrocampista della Lazio, Senad Lulic, nell’immediato post gara.

In un clima già di per sé arroventato fra le due tifoserie, che caratterizza da diversi anni il derby della capitale e che ha costretto il prefetto di Roma a chiedere che la partita venga disputata sempre in orario diurno e mai più in notturna e che ieri ha comunque fatto registrare una persona arrestata e ben cinque provvedimenti di Daspo nelle ore immediatamente precedenti la gara, nessuno sentiva il bisogno di questo siparietto tra i due calciatori che ha avuto connotati che vanno dal becero fino a sconfinare al razzismo vero e proprio nelle parole pronunciate da Lulic ai microfoni di Mediset Premium nel dopo partita.

La miccia era stata innescata in settimana da Rudiger della Roma in un’intervista rilasciata al quotidiano “Il Tempo”. A proposito degli avversari, il difensore giallorosso si esprimeva così: “Non conosco il club della Lazio, tantomeno il loro allenatore, sicuramente saranno molto motivati. Mi devono ammazzare per fermarmi, non è nella mia natura, io voglio sempre vincere. Cosa deve fare la Lazio per impedirmelo? La stessa cosa, uccidermi“. Non si è fatta attendere la risposta ai limiti dell’offesa razzista da parte del centrocampista bosniaco della Lazio, Lulic, nella sala stampa dell’Olimpico, ieri sera: “La provocazione di Rudiger? Non lo so, anni fa a Stoccarda vendeva cinture e calzini e ora fa il fenomeno. Ma la colpa non è sua, ma di chi gli sta attorno e lo ha fatto diventare un maleducato”.

Ovviamente nessuna scusa da parte di Lulic così come da parte di Rudiger perchè evidentemente così deve andare oggigiorno nel mondo attuale del calcio. Ne derivano però due tipi di considerazioni dalle quali non si può prescindere. Innanzitutto due società serie e degne di tal nome avrebbero già preso dei provvedimenti non solo di natura pecuniaria (che su ogni calciatore non sortiscono alcun effetto) nei confronti dei due giocatori. Prima Rudiger, ma soprattutto Lulic, per le sue frasi irriferibili, avrebbero meritato come minimo di essere messi fuori rosa per un periodo con un provvedimento davvero esemplare. In assenza di tale provvedimento punitivo, dovrebbe essere la Procura Federale ad intervenire sanzionando i due giocatori in proporzione alla gravità delle frasi pronunciate prima e dopo il derby.

Infine, due professionisti come Rudiger e Lulic, peraltro anche nel giro delle rispettive nazionali ormai da diverso tempo, mai e poi mai avrebbero dovuto infiammare il clima del derby con queste frasi al vetriolo che finiscono solo per fomentare odio tra le tifoserie, finendo in questo modo per rendere vane tutte le misure di sicurezza che ormai da tempo vengono predisposte per assicurare che niente avvenga sotto il profilo dell’ordine pubblico in una partita così sentita come il derby di Roma.

Natale Giusti – NapoliSoccer.Net

 



LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here