Ponticelli: De Laurentiis e Aponte hanno detto no al basket

0
18

«Sto provando a trovare aiuti finanziari per il Basket Napoli, ho contattato Aurelio De Laurentiis, cercando di spingerlo verso la pallacanestro per affiancare il presidente Maione, ma il mio tentativo purtroppo non è andato a buon fine. Lui ora è troppo impegnato con il calcio». La rivelazione è dell’assessore allo Sport del Comune di Napoli, Alfredo Ponticelli, pediatra con il morbo del basket, sempre presente alle partite del Palabarbuto. Le difficoltà dell’avvocato Maione, che regge la società da sette anni ai massimi livelli, non hanno lasciato insensibile Ponticelli. «Ho anche avuto un incontro con la Msc Crociere, loro sono pronti a dare una mano ma non ad entrare nell’azionariato del club. Un loro intervento sarebbe molto ben accetto anche nella ricostruzione del Palargento, che potrebbe chiamarsi Pala-Msc, e ora attendo risposte». Lunedì Ponticelli porterà per l’approvazione in Giunta comunale il documento che mette il project financing per la ricostruzione del Palargento nel piano triennale delle opere da effettuare. Intanto ieri a Radio Marte, Domenico Menniti, patron della Harmont & Blaine, ha risposto alle parole di Augusto Forenza, amministratore delegato del Basket Napoli, che ha detto di non averlo mai sentito, neppure al telefono. «Non ho mai dichiarato di aver parlato con Maione o con Forenza, piuttosto che sono stato contattato da persone della società che sollecitavanoil mio aiuto – ha ribadito Menniti -, nel mio piccolo di creare un pool di imprenditori, purtroppo non è stato possibile».

 

Il Mattino

LASCIA UN COMMENTO