Partita del Cuore: Lavezzi-Maradona in campo, ponte tra passato e presente

0
44
Ieri sera allo stadio Olimpico di Roma, con una splendida cornice di pubblico, è stata giocata la Partita del Cuore. In campo la nazionale cantanti e molti atleti ed artisti. Tra i partecipanti anche calciatori del presente e del passato quali Totti (allenatore di Unica perchè infortunato), Lavezzi, De Rossi (portiere dei Cantanti), Buffon (in panchina per infortunio), Zico, Conti, Aldair, Zola, Peruzzi e Spalletti. Ma di certo, star indiscussa della serata è stato – come al solito – Diego Armando Maradona. Il pibe de oro ha giocato finchè i muscoli hanno retto lo sforzo dimostrando che la classe non è acqua con deliziosi passaggi e brevi dribbling.
L’occasione ha permesso all’ex re di Napoli di incontrare (ed elogiare) quello che attualmente sta facendo impazzire, calcisticamente parlando, la città partenopea: il pocho Lavezzi. Come dire, a Roma si incontrano il passato ed il presente del Napoli.
I due argentini si sono incontrati per la prima volta e visibile è parsa l’emozione sul volto del giovane campione argentino del Napoli quando ha incontrato il suo idolo. Di contro, il mitico Diego ha elogiato il Napoli ("sono stati splendidi contro il Milan") e Lavezzi complimentandosi per l’ottimo campionato e per i risultati ottenuti, affermando che a suo parere "Napoli è stata la scelta giusta".
Presente all’Olimpico anche lo storico massaggiatore del Napoli nonchè grande amico di Diego, Salvatore Carmando. Con lui Maradona non si risparmia nei toni scherzosi e, dopo averlo abbracciato, gli ha detto che lo trovava invecchiato tra l’ilarità dei presenti.

Gianni Doriano

Condividi
Articolo precedenteL’Udinese cerca la licenza Uefa
Prossimo articoloIl Napoli fa visita al Cardinale Sepe
Giornalista sportivo, appassionato di calcio e, da sempre, tifoso del Napoli. Dal 2004 partecipo al progetto Napolisoccer.NET condividendone obiettivi e speranze, con l'unica finalità di fornire ai lettori un'informazione corretta e neutrale, scevra da pregiudizi e fuori da ogni logica di interesse. Napoletano convinto, nutro amore e passione incondizionata per "Terra mia", "Napul'è" e per la maglia azzurra.

LASCIA UN COMMENTO