Gianni Rivera: Campana e Grosso sono persone responsabili

0
75

Rimane un calciatore, Gianni Rivera, seppure avanti con gli anni, seppure inserito pienamente nei meccanismi di palazzo, l'ex "Golden Boy" continua ad essere un calciatore, lo si legge tra le righe dell'intervista che ha rilasciato a Radio Kiss Kiss e qui sintetizzata da Napolisoccer.NET.
Il primo italiano vincitore di un "Pallone d'Oro",  e futuro responsabile del settore tecnico giovanile e scolastico della Figc, ha dichiarato a proposito dello sciopero minacciato dalla AIC: "Conoscendo Campana, Grosso e tutti gli altri che portano avanti l’associazione calciatori, posso dire che sono persone responsabili. Ho sentito dire loro che chiedevano un incontro, qualcosa di particolarmente delicato dev’essere successo. Mi sono meravigliato che per due punti su cui non c’è accordo, si sia proclamato lo sciopero, roba da bambini dell’asilo".
L'intervista prosegue poi toccando molti aspetti della stagione in corso: "In questo momento il Milan è la squadra favorita, dieci punti sull’Inter è tanta roba. Spero resista e si aggiudichi il tricolore, sta facendo abbastanza bene." e continua rispondendo alla domanda su quale squadra possa essere l'anti-Milan: "La Lazio mi piace, ha qualità, la stagione però è lunga. Dopo l’inverno avremo le idee più chiare”, ed infine sulla esclusione di Snejider dal podio per il Pallone d’Oro: "Le scelte fatte dalla giuria dall’esterno spesso danno luogo a grandi polemiche"

Redazione Napolisoccer.NET – fonte Radio Kiss Kiss

Condividi
Articolo precedenteTaglialatela: “Stasera in campo due ottimi portieri”
Prossimo articoloLe Probabili Formazioni Napoli – Palermo
Napoletano, scrittore, impara a leggere prima di riuscire a dire "a cuoppo cupo poco pepe cape, poco pepe cape a cuoppo cupo" e tutti gli altri scioglilingua in napoletano che gli insegnava suo padre. La passione per il calcio risale al nonno paterno del quale porta il nome.


LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here