Bologna: Penalizzazione certa, il vero rischio è il fallimento

1
71

Preoccupa più il rischio fallimento che la classifica, anche una classifica modificata da una penalizzazione. La situazione del Bologna è molto pesante, le casse della società sono vuote, lo sfratto dal centro tecnico di Casteldebole sarà esecutivo da gennaio e non sono stati pagati gli stipendi, come ha dichiarato in un’intervista anche l’ex tecnico rossoblu Franco Colomba (sollevato dall’incarico di allenatore alla vigilia della prima di campionato) né le quote irpef e i contributi per il periodo che va da aprile a giugno 2010.
Venerdì, infatti, Stefano Palazzi, Procuratore Federale, ha dichiarato che la FC Bologna è stata deferita per la mancata attestazione agli organi federali competenti del pagamento delle ritenute Irpef e dei contributi Enpals relativi agli emolumenti dovuti per le mensilità di aprile, maggio e giugno 2010, nei termini stabiliti dalle deposizioni federali, ovvero entro ottobre 2010.
Si va verso una pesante penalizzazione (fino a quattro punti in classifica da scontare nell’attuale campionato).
I Menarini, ex proprietari della società e oggi, titolari di quote minoritarie, il giorno 18 si dicevano disponibili a collaborare con Porcedda, attuale maggiore azionista, per evitare il fallimento, due giorni dopo, però,  usavano parole molto pesanti, sempre per bocca di Francesca Menarini, nei confronti del socio di maggioranza. I Menarini si sono dichiarati pronti a fare quanto nelle loro possibilità per il bene del Bologna, ma non a riassumere la presidenza.
 

Domenico Infante – Napolisoccer.NET



1 COMMENTO

  1. dispiace ke a pagare per una situazione del genere siano una città e dei tifosi innocenti…ci vorrebbe la galera con il 41 bis a questa gente…ma siamo in un paese ke si dovrebbe definire villaggio…ma la menarini un ha visto ke gli ha dato carta scottex al posto dei soldi?….ma per favore….

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here