Navarro ed il Tango napoletano

2
31

Da piccolo non volevo mai giocare in porta. Era per me un affronto: io tra i pali? Mai! Eppure il ruolo del numero uno richiede un impegno ed una preparazione eccezionale.
Concentrazione e tempismo sono le doti di base della categoria, e poi in assoluto è il giocatore su cui sono puntati maggiormente gli occhi durante una partita. Al Napoli quest’anno c’è stata una situazione deliziosamente imbarazzante. I portieri azzurri hanno sempre fatto discutere l’ambiente.
Iezzo e Gianello si sono sempre stimati e rispettati pur conoscendo ognuno il ruolo cui spettava recitare. Il primo titolare in campionato ed il secondo in Coppa Italia. Quando è toccato a Gianello sostituire il titolare in campionato l’ha fatto nel migliore dei modi, tanto da metterne in dubbio il posto. Ai due contendenti, complice l’infortunio del portiere di Castellammare, si è poi aggiunto l’argentino Navarro; vera incognita della rosa dei partenopei.
Il ragazzo è nel giro della nazionale olimpica del suo paese e questo aumenta tra i tifosi partenopei la speranza di aver trovato il portiere del futuro. Si attende solo che Reja dia la possibilità di poterlo ammirare in qualche gara di questo campionato. Gianello ha fatto benissimo quando è stato chiamato in causa, Iezzo è sinonimo di garanzia, del resto la sua carriera parla da sola, ora i napoletani vorrebbero vedere all’opera anche l’argentino Navarro.
Avrà la sua occasione già domenica contro il Torino? In attesa delle scelte del mister ci prepariamo al nuovo ballo, il Tango ‘napoletano’.
Pino Chianese (articolo per Goal.com a cura della redazione di NapoliSoccer.NET)

2 Commenti

LASCIA UN COMMENTO