Phard Napoli ancora ko, Schio va sul 2-0

0
39

Le azzurre perodono anche gara-2: adesso non possono più fallire.
Il primo tentativo per il riscatto è fallito. La Phard, infatti, non è riuscita ad espugnare il parquet della Famila in gara-2 ed ora sono costrette a vincere la terza partita, in programma sabato sempre a Schio, per non scucirsi lo scudetto dalle canotte.
Si parte con Schio che lancia in quintetto Moro, Masciadri, Macchi, Ress e ‘Ngoysa. Nessun cambiamento, invece, per coach Molino che conferma il quintetto che lo ha portato fino alla finale tricolore con Cirone in regia al fianco di Holland-Corn, Barnes, Horasan e Ndiaye. I giochi si aprono con Schio che piazza subito un break di 9-0 nei primi 3 minuti, con le azzurre che non riescono a concretizzare i buoni tiri che costruiscono. È la Ndiaye dalla lunetta a fa muovere il punteggio per la Phard, mentre Holland-Corn e Cirone piazzano un 5-0 che riporta a contatto le azzurre (11-7). La Phard pare scuotersi e stringengo i denti in difesa ristabiliscono la perfetta parità a quota 13 a 4’ dalla prima sirena con il pivot senegale sempre protagonista. Il match, allora, si mette sui binari dell’equilibrio con i due quintetti in campo che si rispondono colpo su colpo (19-16 a 2’ dalla fine del primo parziale). La situazione falli, però, inizia a far preoccupare coach Molino con Cirone e Giauro gà a quota due, mentre il primo quarto va in archivio con Schio che chiude avanti di sole 4 lunghezze (22-18).
Si riparte con Schio ch torna a +8, ma è ancora la coppia Ndiaye-Corn a tenere a contatto le azzurre (26-25 a 7’ dal riposo). Schio, però, replica subito al fuoco e nel giro di tre minuti piazza un parziale di 12-0 che vale il +13 (38-25 a 4’ dalla fine del secondo quarto). Le azzurre paiono aver perso la bussolo e Schio tocca anche il +15 prima che un libero della Mauriello muovano il punteggio per la Phard (40-26). Nel finale di frazione la forbice si allarga ancora con le padrone di casa che vanno negli spogliatoi sul +17 (45-28).
Si torna in campo ed è sempre Schio a menare le danze con la tripla della Sanchez che vale il nuovo +18 (50-32). Napoli, però, come sempre non ci sta a mollare e prova a riaprire i giochi con un parziale di 7-2, con Schio che, comunque, è brava a tenere a distanza le azzurre (52-39 a 6’ dall’ultimo intervallo). Un antisportivo fischiato alla Donaphin ridà ossigeno a Napoli che a 2’ dalla fine del terzo quarto torna a –11 (56-45). La Corn dalla lunetta mette anche il –10, prima che la Donaphin metta il canestro che chiude il quarto sul punteggio di 58-46.
La Holland-Corn apre gli ultimi 10’ con la tripla del –9, ma la Sanchez risponde subito al fuoco per il 61-49 a -9’. Passano i minuti e le speranze della Phard di piazzare il colpo vanno affievolendosi con la Famila che a 6’ dal termine è sempre sul +14 (63-49). La tripla della Moro del 68-51 a –4’30” para chiudere definitivamente i giochi, con la Phard che ha comunque il merito di provarci fino in fondo. La Famila, però, concede poco o nulla alla speranze di coach Molino che alla fine è costretto ad alzare bandiera bianca. Schio, quindi, vince anche gara-2 con le azzurre che ora non possono più fallire: un’eventuale sconfitta sabato sera sempre sul parquet di Schio, infatti, consegnerebbe definitivamente lo scudetto alla Famila.

Il tabellino:
FAMILA WUBER SCHIO 86
PHARD NAPOLI 67

FAMILA WUBER SCHIO: Moro 14, Butler 5, Donaphin 4, Tassara, Sanchez 14, Masciadri 7, ‘Ngoysa 17, Ress 2, Ciampoli 8, Macchi 15. All. Orlando.
PHARD NAPOLI: Paterna, Cirone 7, Mauriello 1, Giauro 6, Barnes 4, Gentile 5, Horasan, Ndiaye 20, Lesdema, Holland-Corn 24. All. Molino.
ARBITRI: Ranaudo (Mi) e Volpe (Sp).
NOTE: parziali 22-18, 45-28, 58-46. Tiri da due: Schio 20/31, Napoli 20/42. Tiri da tre: Schio 8/17, Napoli 5/19. Tiri liberi: Schio 22/26, Napoli 12/16. Rimbalzi: Schio 38, Napoli 20. Uscite per 5 falli: nessuna.

Redazione NapoliSoccer.NET – Comunicato Phard Napoli



LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here