Ottaiano: “Al di la della Nazionale, l’annata di Insigne è molto positiva”

0
169

antonio-ottaiano-01Antonio Ottaiano, agente di Insigne, intervenendo a Radio Punto Zero, durante la trasmissione “Fuori Gara”, ha rilasciato le seguenti dichiarazioni riportate da NapoliSoccer.net.

 

Il rapporto di Insigne con Conte

“Considerando le caratteristiche di Insigne, non solo tecniche ma anche umane e caratteriali, della sua capacità di sapersi integrare in gruppo, restavo basito quando leggevo che Conte aveva punito Lorenzo. Non trovato spiegazioni valide ad una scelta di questo tipo. Per fortuna le cose stanno andando diversamente. Faccio fatica a pensare ad Insigne e a dei comportamenti da punire. Il suo amore per la Nazionale è davvero grande. Non credo che Conte abbia mai messo in dubbio la partecipazione di Lorenzo allo spirito della nazionale. Insigne è al settimo cielo, per lui è già straordinaria l’idea di poter andare agli Europei, figurarsi di essere nei primi undici. Al di la della Nazionale, l’annata di Insigne è molto positiva. Dal punto di vista calcistico, Insigne deve molto a tutti i suoi allenatori ma soprattutto a Zeman, gli ha dato grande autostima e consapevolezza della sua grandezza. L’Italia inizia a dare l’impressione di avere lo stesso spirito di Conte”.

 

Gli elogi di Buffon

“Dal punto di vista dell’immagine, è tra i più importanti in Italia. Ricevere gli elogi da lui significa avere la massima gratificazione possibile. I complimenti del “nemico” fanno sempre piacere”.

 

Su Jorginho

“Se è stato convocato significa che ha buone possibilità di far parte della spedizione agli Europei. Di sicuro, se Jorginho continuerà così, sarà sicuramente un papabile per la Francia. In realtà in quel ruolo non vedo tante altre alternative. Non credo che Thiago Motta stia facendo meglio di Jorginho. Lo scudetto lo vincerà chi sbaglierà meno. Ad oggi è difficile fare previsioni”.

 

Su Roberto Insigne

“Roberto Insigne sta facendo molto bene, sta crescendo, è destinato a percorrere palcoscenici importanti. È destinato alla Serie A. Ho sentito il Napoli, è presto per parlare del suo futuro. Il tutto è rimandato in estate, ma credo che sia difficile che torni a Napoli già il prossimo anno. A differenza di Lorenzo, è un mancino e ha spesso giocato sulla destra. Paradossalmente potrebbero giocare insieme, sarebbe un sogno”.

 

Redazione NapoliSoccer.net



LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here