L’Aia risponde duramente a De Laurentiis: “Gli arbitri sono imparziali e trasparenti”

26
23

In seguito alle parole del patron del Napoli, Aurelio De Laurentiis, l’Aia non tarda a rispondere con toni poco soft. Ecco il comunicato apparso sul sito ufficiale:

«In relazione alle dichiarazioni apparse su organi di stampa, l’Associazione Italiana Arbitri, ribadisce il proprio impegno costante al fine di garantire a tutte le componenti federali e a tutte le società calcistiche un servizio improntato alla trasparenza, all’imparzialità e alla professionalità.

L’A.I.A. assicura che, da parte degli organi incaricati della gestione tecnica e associativa, sono continuamente poste in essere iniziative intese a perfezionare il rendimento tecnico degli arbitri, ma anche a verificare la conformità di ogni singola condotta ai predetti principi di trasparenza ed etica sportiva al fine di prevenire e, quindi, di evitare anche il solo remoto pericolo di un possibile ritorno, in qualsiasi forma, ai ben noti fatti di un passato che ha nuociuto enormemente al calcio italiano.

Si auspica, dunque, che le affermazioni su ipotetiche e non meglio specificate condotte ricollegabili a tale passato siano prontamente seguite dalle dovute segnalazioni ai competenti organi della giustizia sportiva e ordinaria: in difetto, esse verrebbero a ledere proprio quella “credibilità” del mondo calcistico, in generale, e arbitrale in particolare, che a parole viene da molti invocata.

Il Presidente dell’A.I.A. Marcello Nicchi, fa proprio l’invito del Presidente Federale affinché il legittimo esercizio della critica venga contenuto nei limiti che sono propri dell’attività sportiva che accomuna tutte le componenti del mondo del calcio». 

Redazione Napolisoccer.NET

26 Commenti

  1. Questa risposta se la potevano anche risparmiare perchè l’avrebbero data anche nel 2002 o nel 2003, quando “Calciopoli” lavorava sotto traccia ma la sentivano tutti. Vergogna Nicchi, vergogna Aia!!

  2. tutte le settimane qualcuno si lamenta dell’arbitraggio,ogni tanto qualche società fà addirittura i dossier sui torti che ritiene di subire,qualche settimana fà Corvino dopo una partita,vinta tra l’altro se esce con una serie di lamentele,mai sentita nessuna reazione da parte dell’aia o chi per esso, le possibilità allora sono due: o si usano sempre 2 pesi e 2 misure, o sono stati toccati sul vivo, un fatto è certo,Trefoloni come arbitro è troppo spesso criticato,(ci sarà un motivo.) e cmq era invischiato fino al collo in calciopoli e in un paese normale non avrebbe dovuto mai più arbitrare.

  3. io dico solo una cosa gli albitri si dovrebbero vergognare perche’ uno come trefoloni nemmeno in eccellenza dovrebbe arbritrare
    uno che e stato processato a napoli anche se assolto questo era il tornaconto dei giudici di napoli VERGOGNATEVI

  4. E’ senz’altro vero che il Napoli finora quest’anno è stato parecchio danneggiato: non ricordo nessun episodio a favore (il gol di Di Natale non era affatto regolare, era già in fuorigioco sul primo tocco di Floro Flores) e ne ricordo tanti a sfavore, a partire dall’espusione di Campagnaro in luogo dell’ammonizione a Sculli fino al rigore negato a Quagliarella e concesso invece con grande generosità a Lanzafame. Nonostante ciò, vedo una grande ipocrisia di fondo in questa protesta. Infatti, quello che De Laurentis dovrebbe chiarire, infatti, è se vuole fare parte anche lui di una “prima fascia” dei super-favoriti (che oggi comprende senz’altro Inter, Milan, Juve e Roma, forse pure la Fiorentina) o se invece vuole un campionato del tutto equo. In questo caso, infatti, i rimedi più immediati sono due e anche molto facili: 1) sorteggio integrale (già il fatto che alla prima giornata, quando sono tutte alle pari, si designa il più bravo per una partita di una “grande” alimenta una sudditanza, che poi non è questione psicologica ma di ovvia visibilità (difficile se arbitri Catania-Livorno) e possibilità di diventare internazionali molto maggiori se non dai fastidio alle grandi 2) moviola nello studio di un vero “quarto uomo” (non quello che alza i tabelloni del recupero e non serve a nulla), che come nel rugby comunica via auricolare in pochi secondi all’arbitro cosa ha visto al replay (magari anche con un numero limitato di chiamate a disposizione di ogni squadra come avviene nel tennis). Finchè anche lui non proporrà questi due rimedi (mai capito perchè non lo fanno almeno quelli delle piccole, che sono senz’altro meno protette anche di noi sulla distanza di un campionato), misure sulle quali io non ho mai sentito una sola obiezione sensata o logica, devo per forza pensare che vuole fare parte del gruppo dei più protetti e quindi i suoi discorsi mi suonano stonati.

  5. ma facitm o piacer…si sono pure offesi , “perfezionare il rendimento tecnico degli arbitri, ma anche a verificare la conformità di ogni singola condotta!?!?!?!??…si vede!!, bravi bel lavoro!!

  6. hanno anche il coraggio di rispondere con un comunicato la dove aggiungo che l’aia si impegnano al fine di un servizio di trasparenza ,imparzialita’ ed addirittura “PROFESSIONALITA”!!!!!!!!!!!, come disse il piu grande di sempre
    Toto’, ma mi faccia il piacere, ma quale professionalità questi arbitri italiani pensono solo alla pagnotta ed il lavoro che fanno lo fanno per forza di cosa visto la crisi di lavoro che c’e .

  7. la verità è solo una se sbagli contro una grande rischi di finire nel giro della serie b e serie c.

    mentre se sbagli contro le altre squadre fai meno clamore.
    poi il napoli merita un discorso a parte le grandi squadre hanno capito che presto saremo fianco a fianco con loro , allora stanno studiando come rompere il giocattolo.

    ma sfortuna per voi il presidente se ne accorto.

    poi caro nicchi torna nella NICCHIA che è meglio.

  8. si vabbe parole sentite anche negli passati e poi e uscito fuori calciopoli quindi……………come si fa ancora a credervi??un arbitro recitivi uno che nn sa arbitrare nn puo farlo in serie A ma manco in B per me deve cambiare mestiere gli arbitri devono cominciare a pagare di tasca propria allora si che si vedra qualcosa ma fino a quando ci saranno solo delle sospensione e scalo di serie chi paghera saranno soltante le squadre con i punti persi

  9. ho predicato ad aurelio, su questo sito, di farsi sentire e lui quasi mi avesse sentito, lo ha fatto…..bene sono stra contento, il nord vuole il potere e fino ad ora lo ha avuto ma qualcosa sta per cambiare…..

  10. e questi da dove sono usciti? Non li ho sentiti dire nulla a Sampdoria, Palermo, Fiorentina. Per una volta sono d’accordo col Presidente; il Napoli non è la prima volta che quest’anno subisce torti arbitrali che tra l’altro condizionano il risultato finale. Se Trefoloni è stato coinvolto se pur di poco nell’inchiesta calciopoli che ci fa ancora lì? Perchè questo non lo spiegono? una volta date le spiegazioni a tutti hai fatto un’opera di trasparenza e togli ogni sospetto; invece no…..i Signori si offendono e fanno il comunicato senza ancora rispondere nel dettaglio dicendo che tutto va bene e che non dobbiamo preoccuparci. Caspita…..

  11. Spett. Redazione.
    Ieri,2 dicembre 2009, ho inviato un mio commento nel quale chiedevo se qualcuno era a conoscenza dell’indirizzo mail dell’AIA. Volevo scrivere due paroline a quei signor.
    Con sorpresa constato che detto mio commento non è stato pubblicato. Perchè? Grazie.

  12. @sig. Tonino. Ho cancellato personalmente, per errore, il suo messaggio ma ritengo in ogni caso che pubblicare indirizzi e-mail di altri non sia eticamente corretto. Penso che gli indirizzi di posta degli enti siano sempre rilevabili dai loro siti istituzionali.

  13. Riccardo62, il tuo post andrebbe girato, pari pari, agli organi competenti. Sono d’accordo su tutta la linea!!! Dopo Parma – Napoli ho mandato la disdetta a Sky per il calcio, mi tengo lo sport per guardarmi il rugby. Senza il TMO (moviola in campo), non c’é recriminazione che tenga, de Laurentis diventerà credibile solo quando farà della sua introduzione una bandiera.

  14. è vero!gli arbitri sono trasparenti nell’assumere decisioni sempre contro la nostra squadra!!!appena c’è un episodio dubbio ecco che la decisione è sempre contro il napoli!!!se non è trasparenza questa….!!!fai bene dela a parlare contro questo sistema!!!ma quali antipatie, qua bisogna tutelare i propri interessi contro questi arbitri corrotti e che hanno trasparenza solo nel danneggiare il napoli!!!

  15. a.i.a una banda di falsi esseri umani…..xkè kiamarli uomini si cade nel ridicolo. anke dopo moviole ke condannano i loro errori sempre contro noi, hanno ancora il coraggio di parlare…..siate umili x lo meno.

  16. Trasparenti?? Allora perchè ci sono ancora gli arbitri indagati nei fattacci di Calciopoli? Trefoloni è uno di questi! Vergogna così si allontana la gente da questo magnifico sport!

LASCIA UN COMMENTO