Tufano Posillipo, obiettivo semifinale

0
70

Il primo match-ball in canna e l’obiettivo puntato sulla semifinale. Occasione propizia per il Posillipo impegnato oggi in Liguria nel secondo atto dei quarti di finale dei play off di A1: i rossoverdi sfidano il Nervi alle ore 16 in gara 2 e, forti della prima vittoria griffata mercoledì alla Scandone, con un altro successo potrebbero archiviare la serie sul 2-0 e qualificarsi per la semifinale scudetto (con ogni probabilità da giocare con il Brescia). L’eventuale gara 3, ultima e decisiva, sarebbe comunque in programma mercoledì alle 19.30 alla Scandone. E allora i rossoverdi sono pronti a servire la palla della prima vittoria che conta. «È ovvio che ci pensiamo e che proveremo in tutti i modi a chiudere i conti in due partite, ma non sarà facile». Parola di Carlo Silipo, tecnico sempre molto attento e misurato, ma soprattutto obiettivo: quando la griglia della volata tricolore fu completa, il tecnico rossoverde ammonì sulla pericolosità dell’avversario rigenerato dalla cura del nuovo allenatore Baldineti. «Sì, ho sempre nutrito grande rispetto nei confronti del Nervi, squadra completa, con stranieri di primo livello e due ottimi centroboa». Tra l’altro, in occasione di gara 1, il Posillipo ha sofferto maledettamente per tre tempi, e dopo l’1-0 è stato sempre costretto a inseguire fino all’inizio dell’ultimo parziale: sotto anche di 2 reti, in ben due occasioni, i napoletani hanno piazzato poi un micidiale break di 6-1 trascinati da Bencivenga, Mattiello, Janovic e Zlokovic. Ecco perché la regola resta: non fidarsi. «Sì, il Nervi gioca bene e lo ha fatto vedere anche a Napoli – continua Silipo -. Loro ci credono, altroché, e lo dimostra il fatto che hanno deciso di giocare nella piscina scoperta, un ambiente che di certo non ci favorisce». Soprattutto per una questione di abitudine. «Noi, però, siamo avvezzi alle difficoltà: dovremo soltanto restare concentrati e giocare con la consueta intensità fino all’ultima azione. Sono convinto che sarà una gran bella partita». La formazione è la solita, con i due ragazzi delle giovanili Vasaturo e Bertoli nei tredici al posto degli infortunati Buonocore e Di Costanzo. Il mancino, ai box per una microfrattura alla mano sinistra, non è partito ma potrebbe rientrare già in occasione del prossimo impegno: il suo quadro clinico sarà chiaro la prossima settimana, dopo un ulteriore controllo ortopedico. Sarebbe un recupero molto importante: dietro l’angolo c’è Brescia.

 

Il Mattino

Condividi
Articolo precedenteDomizzi colpito dalla febbre
Prossimo articoloUltima tentazione: caccia a Pjanic, il nuovo Zidane
Giornalista e Vice Direttore di Napolisoccer.NET . Tifoso del Napoli, coniugo l'amore e la passione per gli azzurri alla deontologia propria del lavoro di giornalista. Il piacere di raccontare le vicende azzurre, con i suoi risvolti sociologici, con criticità e romanticismo quando ci vuole. Pratico la libertà d'informazione senza condizionamenti.


LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here