Lavezzi furioso dopo il ko contro il Milan

2
43

Bagno di folla in città per i giocatori, applauditi nonostante il ko: «Avete fatto tremare il Milan». L’argentino, scuro in volto per il ko con i rossoneri, ha subito un colpo al costato: non dovrebbe essere a rischio per la sfida di domenica a Brescia.

NAPOLI, 27 ottobre – Un’acrobazia si­mile sotto porta, conclusa peraltro in gol, a Napoli non lo vedevano da quindici an­ni. E chi poteva realizzarla se non Maradona (al Pesca­ra in Coppa Italia, 1985)? Ieri, in città, non si parla­va che della rete di Lavezzi che ha lasciato impietrito il portiere Abbiati. Una rete peraltro inutile ai fini del ri­sultato ma che ha contribui­to perlomeno a rincuorare i tifosi per il futuro: « Se comincia a far gol anche lui, insieme a Cavani, al­lora il Napo­li può spera­re di rimane­re aggancia­to alla zona alta della clas­sifica » , dicevano ieri sera davanti al negozio di abbi­gliamento in via dei Mille dove era atteso anche il Po­cho per il battesimo delle nuove divise alla presenza di Emanuele Filiberto. Ma Lavezzi non c’era. Sono arrivati solo Canna­varo, Cavani, Hamsik e De Sanctis. E c’è voluto l’inter­vento della polizia per evi­tare l’assalto affettuoso del­la folla. Lavezzi era stato costretto a dare forfait al­l’ultimo momento. Lamenta un dolore al costato. Un col­po ricevuto durante Napoli-Milan. Non solo l’amarezza per il risultato e per un gol valso a poco, anche la pre­occupazione di non potersi allenare regolarmente in vista della partita di Bre­scia.

CONTUSIONE – «Mi fa male il fianco e sono incavolato per la sconfitta», confidava ad un amico nel tardo po­meriggio. Dovrebbe trattar­si di una contusione di lieve entità ma soltanto oggi si valuterà se l’attaccante può riprendere gli allenamenti con i compagni, oppure fare lavoro differenziato. Per Lavezzi si trattava della prima rete realizzata al Milan da quando gioca in Italia e del primo gol in questo campionato al San Paolo. A Fuorigrotta era an­datoa bersaglio solo in Eu­ropa League, con l’Elfsborg il 19 agosto. Ma in campio­nato non centrava il bersa­glio davanti ai propri tifosi dal 25 marzo, tre a uno sul­la Juventus (arbitro Rizzo­li). «Che peccato e che sfor­tuna », ripeteva domenica sera a chi lo ha incrociato mentre usciva dallo stadio. Un peccato aver dovuto di­sputare l’intero secondo tempo con un uomo in meno e sfortuna nell’aver incro­ciato un Abbiati capace di togliere dal « sette » quel colpo di testa a botta sicu­ra. Ma il Na­poli, applau­dito dai suoi tifosi a fine gara, giam­mai corre il rischio di perdere autostima dopo il secondo capitombolo inter­no della stagione. Ieri mat­tina, Aronica, passeggiando in piazza dei Martiri, ha ri­cevuto complimenti a vo­lontà e l’invito a non demor­dere:« Non sempre incon­trerete un arbitro come Riz­zoli, coraggio, anche in die­ci uomini avete fatto trema­re il Milan », gli hanno gridato.

Redazione NapoliSoccer.NET – fonte: corriere dello sport

2 Commenti

  1. vincent nn dire eresie perfavore lavezzi è un grande giocatore ma dargli la maglia di maradona è un oltraggio…i gol che faceva maradona,lavezzi se li sogna senza nulla togliare al gran gol contro il milan ma el pocho nn ha nulla che vedere con Diego…

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here