Pablo Daniel Piatti per sostituire Calaiò

2
27

Piatti, ma non solo. C’è Crespo o Iaquinta per Sosa e Felipe per Domizzi . Pierpaolo Marino è alla costante ricerca di una quadratura offensiva del Napoli che verrà, nel quale mancherà Sosa che verbalmente ha già dato l’addio calcistico alla città con largo anticipo, mentre diventa sempre più probabile anche quello di Emanuele Calaiò. Sempre attento al mercato sudamericano, nella scia del feeling che ha sempre accompagnato i calciatori argentini con il San Paolo, Marino ha già in tasca il nome nuovo per l’attacco del Napoli e che risponde al nome di Pablo Daniel Piatti, il centravanti dell’Estudiantes de La Plata. Un attaccante di 163 cm, 55 kg veloce e brevilineo, nato il 31 marzo del 1989, ha già vinto  il Campionato Mondiale Under 20 FIFA 2007 ed è stato lanciato nel calcio che conta da una vecchia conoscenza del nostro campionato, Diego Simeone, il mister che lo ha fatto debuttare contro il Newell’s Old Boys nel novembre 2006 laddove siglò il gol della vittoria. Parla molto bene del ragazzo anche Juan Sebastián Verón suo compagno di squadra che ha visto svezzare il campioncino nel torneo di Clausura 2007. Su di  lui si sono già posati anche gli occhi della Juve mentre il giovane ragazzo di Ucacha si dice già pronto per l’Europa. Sul fronte del mercato italiano, invece, piace tanto il campione del mondo Iaquinta, che oltre ad essere nei piani di Marino lo è anche in quelli di Spalletti ed allora sarebbe probabile una virata su Crespo, per il quale ci sarebbe soltanto da accordarsi sull’ingaggio visto che Hernan non ha mai nascosto l’ambito fascino del San Paolo. La sempre più probabile partenza di Domizzi potrebbe essere compensata con l’arrivo di Felipe Dias da Silva Dalbelo, scoperto a 15 anni e portato all’Udinese da Gerolin. Felipe, che è da sempre un vecchio pallino del Dg partenopeo, ha già espresso  il desiderio di vestire la maglia azzurra e potrebbe avere anche lui un futuro in Nazionale come Santacroce, atteso che i suoi nonni erano veneti. Marino pare che si sia già accreditato verso Pozzo. Se son rose fioriranno.

Antonello Greco

2 Commenti

LASCIA UN COMMENTO