Del Genio (giorn. Canale8): “Non mi preoccupa la stanchezza ma i cali di tensione del Napoli”

1
12

Nel corso della puntata odierna di “Amore… Azzurro”, programma sportivo in onda su Radio Amore, è intervenuto il collega di Canale 8, Paolo Del Genio. Ecco alcuni passaggi dell’intervista: “Cosa ho pensato giovedì sul 3-0? Ho pensato che il Napoli non fosse mai arrivato a Bucarest. Poi, con il passare dei minuti, mi sono reso conto che il triplo svantaggio era dovuto a degli errori individuali. Questa squadra ha dimostrato di avere un’anima ed un’identità, anche se continua ad avere delle amnesie difensive. Il pareggio è stato raggiunto in extremis, ma forse considerando tutte le occasioni avute il Napoli avrebbe, perfino, meritato qualcosa in più. Napoli-Roma? Sette giocatori su undici della formazione di domani non sono scesi in campo giovedì, oppure sono subentrati a partita in corso. Piuttosto, mi preoccupano i cali di tensione che ogni tanto gli azzurro dimostrano di avere. Sarà importante che la squadra abbia il giusto approccio mentale e scenda in campo motivata e concentrata. La Roma, probabilmente, ha una caratura tecnica superiore in alcuni giocatori. Tuttavia, nel complesso gli azzurri credo che abbiano una maggiore organizzazione di gioco. Infine, speriamo non ci siano gli errori arbitrali che hanno caratterizzato negli ultimi anni le sfide tra Napoli e Roma. Se gioca Totti è un vantaggio per gli azzurri? Dire che è un vantaggio mi sembra eccessivo. Perché, è un giocatore sempre pericoloso. Cribari? Tutti quelli che sono arrivati possono dare una mano a questa squadra ma nessuno, escluso Cavani, mi sembra in grado di fare la differenza. Spero che il difensore brasiliano riesca a scrollarsi di dosso gli episodi negativi di cui è stato protagonista sia a Cesena che a Bucarest. Il recupero di giovedì sera? Credo sia stato ineccepibile considerando l’infortunio del portiere avversario e la sostituzione operata dal tecnico dello Steaua. Zuniga? Resta l’alternativa a Maggio, anche se in alcuni casi potrebbe continuare a giocare a sinistra come alternativa a Dossena, quando Vitale non sarà in panchina. Non lo vedo schierato sulla trequarti, perché tende a trattenere troppo la palla tra i piedi”.


Fonte: Redazione Sportiva Radio Amore Campania

1 COMMENTO

  1. zuniga fa qualche dribbling di troppo e questa perdita di tempo consente agli avversari di sistemarsi.Meglio passare la palla al compagno meglio piazzato…ma lo capirà mai?????

LASCIA UN COMMENTO