L’angolo del tifoso: sotto il Vesuvio sono tutti pazzi per Cavani. Un Napoli da dottor Jekyll e Mr. Hyde.

0
118

Il Napoli si rilancia a Cesena. Un successo quello degli azzurri portato avanti con la determinazione e la tenacia che il gruppo di Mazzarri aveva già dimostrato sette giorni fa a Marassi. L’ex tecnico doriano affida il centro della difesa Cribari, che a parte l’errore sul gol di Parolo dimostra una buona affidabilità. A centrocampo giocano Yebda e Zuniga che non sfigurano. Davanti il tecnico livornese gioca la carta Sosa. “El Principito” ha sicuramente un’ottima tecnica, ma è sembrato ancora un pò fuori forma.
Il Napoli fuori casa è totalmente un’altra squadra: sveglia, spigliata che sbaglia pochissimi passaggi. La squadra azzurra fuori dalle mura amiche è una compagine concentrata, attenta e che lascia davvero le briciole all’avversario. I partenopei, al San Paolo, nelle ultime tre uscite son sembrati frastornati e disattenti, senza voglia di vincere. Invece ieri al Manuzzi la squadra di Mazzarri ha ridimensionato la matricola Cesena e ha fatto capire alle sue dirette avversarie, che fuori casa il Napoli può dare del filo da torcere a qualsiasi squadra.
Autentico protagonista della partita è il “Matador” Cavani, che ieri ha dato dimostrazione di essere una punta fortissima, un ottimo finalizzatore che con Hamsik e Lavezzi alle spalle può far davvero male. Cinque gol in cinque partite è un bel bottino, per un giocatore appena arrivato che subito si è integrato negli schemi del tecnico livornese.
Proprio a riguardo oggi il suo procuratore Claudio Angelucci si è espresso cosi: “Nella prima stagione di Palermo ha segnato 12 gol, nella seconda 13 tirando un solo rigore, è abituato a segnare su azione. Però con Mazzarri lo vedo cresciuto, sia fisicamente che mentalmente, è in formissima. Il tecnico toscano lo fa giocare più vicino alla porta di quanto non facesse coi rosanero. Nelle sue caratteristiche c’è il sacrificio e la voglia di aiutare la squadra, ma a Napoli ripiega di meno di come era abituato a fare a Palermo e questa disposizione di Mazzarri lo aiuta ad essere più cinico e freddo in zona gol. Dove può arrivare? Questo non lo so, ha margini di miglioramento incredibili, impensabili attualmente“. Infine Anellucci scherza sul secondo gol segnato da Cavani contro il Cesena: Quel colpo lo ha imparato da me, me l’ha visto fare tante volte quando giochiamo tra amici“.
Il Napoli c’è, ma per diventare grande deve dare conferme anche a Fuorigrotta, e allora si che i napoletani potranno davvero sognare la Champions League, anche se il presidente De Laurentiis smorza i toni e proprio oggi ha dichiarato: “La nostra posizione è tra il quinto e il decimo posto, non credo ci sia ancora la maturità per la Champions,dobbiamo stringere i denti, abbiamo una preparazione inadeguata e dobbiamo affrontare un ciclo complicato di partite. Bisogna guardare le classifiche verso aprile. Ora non sono veritiere, non mostrano i veri valori delle squadre. L’Inter è una fuoriclasse, ma nella seconda parte dell’anno usciranno i veri valori di tutti”.
Staremo a vedere, intanto i tifosi del Napoli si godono questo momento di una squadra da dottor Jekyll e Mr. Hyde.
 

Michele D’Agostino per direttanews.it



LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here