Miggiano (all. Primavera): “Abbiamo iniziato un nuovo progetto”

0
25

Nel corso dell’intervista rilasciata alla redazione di Mediagol.it, il tecnico della formazione Primavera del Napoli Roberto Miggiano si è soffermato sulla formazione partenopea che domani sarà impegnata al Cus di Palermo contro i pari età di mister Beruatto nella terza giornata del Trofeo "Giacinto Facchetti": “In linea di massima per noi è tutto a posto. A livello di formazione non abbiamo grossi problemi. La nostra è una squadra normale. Noi abbiamo iniziato un nuovo progetto e la nostra mentalità è quella di cercare di fare sempre la nostra partita, in qualsiasi campo”.
Tra i giocatori del Napoli ci sarà chi a Palermo ha scritto una pagina indimenticabile della sua, ancora breve, carriera. Si tratta di Raffaele Maiello, centrocampista classe ’91 che soltanto un mese fa al “Renzo Barbera” nel triangolare estivo con i rosanero e il Valencia, ha messo a segno il suo primo gol con la maglia della prima squadra di Walter Mazzarri. “E’ un giocatore importante ormai nell’ottica della prima squadra che in questo momento sta venendo a giocare con noi il sabato e che, grazie al suo valore, ci dà una grossa mano di aiuto – ha ammesso il mister – è un ragazzo di grosse prospettive e devo dire che sta vivendo abbastanza bene questo suo ritorno provvisorio in Primavera perché ha capito che doveva rientrare nel nostro gruppo con la giusta mentalità, gli fa piacere quando viene a giocare con noi”.
Il mister Miggiano ha poi preferito glissare quando è stato incalzato sull’argomento che ha catalizzato le attenzioni mediatiche del Bel Paese in questi giorni, ovvero il famigerato provino “saltato” di Enock Barwuah, fratello minore di Mario Balotelli, con il Napoli. “Io di questa storia non so proprio niente, sono cose che decidono in società. La dirigenza non mi ha comunicato niente e io non ho visto nessuno – ha spiegato Miggiano a Mediagol.it – Ho fatto il mio lavoro tranquillamente e non mi interessa parlare di queste cose”.
Fonte: Mediagol.it – Intervista di F. Graffagnini
 

LASCIA UN COMMENTO