Huntelaar: “Italia mi piaci tantissimo”

0
20

A tu per tu con una delle stelle più importanti del firmamento calcistico.
Ciao Klaas-Jan, cominciamo questa intervista parlando proprio di grandi bomber: Van Basten, Ibrahimovic, Cryuff: con quale di questi avresti condiviso volentieri il reparto d’attacco dell’Ajax? “C’è una sola risposta che posso dare: ha appena siglato un contratto di 4 anni con l’Ajax. Ciò significa che nella prossima stagione, dopo l’estate, sarà il nostro nuovo mister. Attualmente è l’allenatore della Nazionale. Fatte queste due importanti premesse, la mia risposta non può che essere Marco Van Basten! (ride, ndr)”.
Attaccante, bomber implacabile, come testimonia il soprannome che ti hanno affibbiato i colleghi olandesi, vero? “Non ho un vero e proprio soprannome, ma so a cosa ti riferisci. Alcuni giornalisti sono soliti chiamarmi “Il cacciatore”, giocando sul mio nome (“Hunter” in inglese significa appunto “Cacciatore”, ndr) anche se sinceramente preferisco che la gente mi chiami semplicemente Klaas-Jan”.
Cosa pensi, invece, dell’Italia come Paese? Cosa ti piace e cosa invece ti ha sorpreso negativamente? “Sono stato solo una volta in Italia per “piacere”. Sono stato a Roma, circa un anno e mezzo fa. Abbiamo noleggiato uno scooter e girato la città, è stato bellissimo. Ho visto posti splendidi, sembrava di essere in un grande museo a cielo aperto. E del vostro Paese adoro la cucina, l’atmosfera, la gente… insomma, tutto! Non sono stato in nessun altro posto in Italia, ma la mia prima ed unica impressione è stata estremamente positiva. Anche se il traffico era decisamente caotico per gli standard olandesi (ride, ndr)”.

Intervista tratta da Calcio2000
 

LASCIA UN COMMENTO