Le pagelle di Napolisoccer.NET: Napoli-Atalanta

5
60

Iezzo: un rientro abbastanza soft ma quando chiamato in causa è pronto a mettere i guantoni al posto giusto. Bentornato. 6
Cannavaro: attento e determinato è bravo a stoppare sul nascere ogni tentativo degli attaccanti avversari. 6,5
Contini: bravo nella marcatura ed ottimo nei raddoppi, nulla concede agli avversari. 6
Domizzi: preciso e puntuale, si propone anche in fase offensiva sostenendo i compagni di centrocampo. 6,5
Mannini: efficace in fase di contenimento ed incisivo in fase offensiva, macina chilometri senza perdere in lucidità. 6,5
Gargano: uno dei migliori in campo. Dopo un primo tempo sottotono cresce alla distanza riuscendo ad imprimere alla manovra il decisivo cambio di passo. Oggi oltre a recuperare il pallone riesce anche a costruire sbagliando poco o nulla in fase di ripartenza.  7
Blasi: stoicamente in campo si arrende nell’intervallo, nel frattempo mette in mostra le sue solite doti non lesinando in determinazione. 6
Hamsik
: giocatore dal piede fino e dal cervello sopraffino, gioca una gara straripante mettendo in mostra anche una condizione atletica perfetta. Ha il merito di sbloccare il risultato dimostrando ancora una volta (maggiormente nella ripresa) di essere un centrocampista con tutti gli attributi al posto giusto. 7
Savini
: purtroppo per lui continua ad essere l’anello debole della catena azzurra. Anche oggi è la nota dolente della squadra (sopratutto in attacco), gli concediamo le solite attenuanti (ormai) generiche perchè dopo una vittoria è difficile essere caustici, e dire che dalle sue parti Ferreira Pinto non si è proprio visto!. 5,5
Lavezzi
: mette lo zampino (o la manina fate voi) in tutte le azioni pericolose del Napoli. E’ difficile giocare contro una retroguardia ben predisposta come quella atalantina ma lui – dagli e dagli – riesce a bucarla in varie occasioni e solo due miracolosi interventi di Coppola gli negano la soddisfazione di un maggior numero di reti. 7,5
Calaiò: che dire, poche idee e molto confuse. Sempre fuori dal vivo dell’azione si limita a giochicchiare a ridosso del centrocampo senza mai trovare uno spunto interessante. E’ il mortificante alter ego dell’arciere degli anni passati, ma non siamo certi che le colpe siano tutte sue! 5,5


Sostituzioni
:
Pazienza: gioca una partita intelligente gestendo la manovra in maniera attenta e costruttiva, non commette errori ed è sempre pronto sia a dettare il passaggio ai compagni che ad ostruire gli spazi agli avversari. 6,5
Sosa: una gara intera non riesce a gestirla ma i suoi ingressi in corso d’opera sono sempre efficaci. Il suo ingresso modifica l’andamento della gara donando alla squadra quel peso specifico in attacco di cui si è notata l’assenza per tutti i 45 minuti del primo tempo. Avrebbe avuto anche l’opportunità di suggellare la sua prestazione con un gol ma i suoi piedi spesso sembrano di gesso. 6,5
Montervino: SV


Allenatore Reja: Nel corso del primo tempo si rende conto che la squadra, seppur non subendo grossi pericoli, soffre la perfetta disposizione tattica dell’Atalanta anche perchè, in attacco, la pochezza di fisicità non è bilanciata dalla reattività e velocità di Calaiò (soprattutto) e Lavezzi. Decide di giocarsi la carta Sosa e l’argentino lo ripaga cambiando faccia alla partita. La chiave tattica della partita, però oltre all’ingresso di Sosa, è l’aver chiuso ogni spazio sulle fasce al gioco avversario, da un lato grazie alla prova precisa di Mannini e dall’altro all’assenza di Ferreira Pinto. Vince il confronto con quello che doveva essere il suo successore sulla panchina azzurra, dimostrando che il suo Napoli in casa è tutt’altra cosa. 6,5


Gianni Doriano

Condividi
Articolo precedenteIl Commento di Napoli – Atalanta
Prossimo articoloIl Napoli blinda i suoi gioielli
Giornalista sportivo, appassionato di calcio e, da sempre, tifoso del Napoli. Dal 2004 partecipo al progetto Napolisoccer.NET condividendone obiettivi e speranze, con l'unica finalità di fornire ai lettori un'informazione corretta e neutrale, scevra da pregiudizi e fuori da ogni logica di interesse. Napoletano convinto, nutro amore e passione incondizionata per "Terra mia", "Napul'è" e per la maglia azzurra.


5 Commenti

  1. koncordo pienamente cn i voti hamsik e lavezzi oggi sn stati spaventosi si sn fatti sempre notare e l’entrata di sosa ha scatenato il napoli!!nn so k dire so sl k io amo napoli e k riesce sempre a stupirmi e se un giorno incontrerò un giocatore del napoli sopratutto hamsik lavezzi e santacroce sarà la cosa + bella k mi possa capitare xk conoscere k fa trionfare le tua squadra nn è poko!!!!un bacio giovanna x sempre cuore azurro

  2. nn so x quale motivo ogni domenica queste pagelle mortificano un professionista esemplare quale Mirko Savini. Io credo che debba essere rispettato per il suo impegno e per la sua dedizione alla causa. Poi in fin dei conti la gara di ieri di Savini è stata piu che sufficiente! lavezzi se fosse piu preciso sotto porta sarebbe formidabile! hamsik e’ il vero fuoriclasse di questa squadra!

  3. Sn d’accordo cn le paggelle…purtroppo mi dispiace x calaio…e un giokatore cm poki ma nn bisogna fiskiarlo xk gia gioka cn tanti pensieri e soprattutto gioka trp pressato quindi sarebbe meglio lasciarlo respirare e concedendogli un po di fiducia…e poi cmq la coppia calaio-lavezzi nn va bene xk si perdono le qualita’ di calaio…e volevo dire anke ke sosa e un grande ma a farlo giokare dall inizio mi sembra una ridicolarita’ xk nn ha 90 minuti nelle gambe quindi e meglio lasciargli gli ultimi 20 minuti(cm ieri)xk il suo ingresso in campo e molto determinante…ciao e forza napoli!!!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here