Schwoch: “Il Napoli ha istituito una rete di osservatori di ottimo livello”

7
35

Schwoch01Nel corso della puntata odierna di “Amore… Azzurro”, programma sportivo in onda ogni mercoledì e sabato su Radio Amore, è intervenuto l’ex attaccante azzurro Stefan Schwoch. Ecco alcuni passaggi dell’intervista, sintetizzati da Napolisoccer.NET: “Campionato sorprendente? Dopo i Mondiali, è naturale aspettarsi un campionato atipico. Tuttavia, credo nel prosieguo della stagione i veri valori emergeranno e le grandi avranno la meglio. Ritengo che l’Inter sia ancora la principale candidata allo scudetto. Lavezzi segna poco? Non è un bomber, nella migliore delle ipotesi potrà fare una decina di goal. I numeri nel calcio parlano chiaro e l’argentino ha dimostrato di non avere il fiuto del goal nel suo DNA. Tuttavia, resta un grande giocatore, dotato di tecnica e corsa. E’ uno di quei talenti che esalta il pubblico. Al Napoli manca un uomo abile sui calci piazzati? Effettivamente, questa è un lacuna della compagine azzurra. Un giocatore abile in queste occasioni tipo Giovinco, tanto per fare un esempio, può risultare determinante considerando che nel calcio moderno le partite sono sempre più equilibrate. Possibili acquisiti dal Vicenza? Abbiamo diversi giovani talenti che sono seguiti da grandi squadre. La nostra politica e valorizzare i giovani per poi cederli a società di maggiore blasone. Non so se al Napoli interessi qualcuno dei nostri ragazzi. Tuttavia, posso affermare che il Napoli ha istituito una rete di osservatori di ottimo livello. De Laurentiis? Credo che non gli si possa rimproverare nulla. E’ sempre stato un grande imprenditore ed ora sta dimostrando di essere anche un grande presidente”.

Redazione Napolisoccer.NET – Fonte: Radio Amore Campania.
 

SHARE
Previous articlePazza Serie A: Galliani abbandona San Siro, il “Franchi” è “viola” dalla rabbia
Next articleQuesta sera ritorna “Idee Partenopee”
Giornalista sportivo, appassionato di calcio e, da sempre, tifoso del Napoli. Dal 2004 partecipo al progetto Napolisoccer.NET condividendone obiettivi e speranze, con l'unica finalità di fornire ai lettori un'informazione corretta e neutrale, scevra da pregiudizi e fuori da ogni logica di interesse. Napoletano convinto, nutro amore e passione incondizionata per "Terra mia", "Napul'è" e per la maglia azzurra.

7 COMMENTS

  1. Gia’. peccato che gli “altri” non se ne stiano con le mani in mano, e , mentre noi acquistavamo Hoffer , Denis e Rinaudo, loro compravano maxi lopez, milito, Kjaer etc. etc..

  2. Il fatto di avere degli osservatori validi sarebbe anche un bene se poi il presidente non andasse in cerca solo di giocatori da due soldi infatti sopratutto sui giovani bisogna investire denaro dato che oggi come oggi tutte le grandi squadre sono molto vigili sul mercato giovanile.
    Poi se mandi in giro osservatori e compri Cribari,31 anni scarto della Lazio,Lucarelli 33 anni quasi a fine carriera,Yebda che viene da due anni disatrosi e Sosa che invece di panca e tribuna ha riempito i suoi ultimi tre anni al Bayer allora la domanda sorge spontanea “MA A CHE SERVONO GLI OSSERVATORI?”
    E’ arrivato Dumitru che e’ una scommessa ma in quanto tale serviva alla squadra come ciliegina sulla torta e invece oggi come oggi potrebbe dover scendere in campo in serie A dopo
    aver disputato in carriera 2 partite in B.
    Poi le vie del signore sono infinite ma non vi sembra che noi
    tifosi non si debba piu’ aspettare i miracoli ma realta’ solide in campo San Gennaro ha cose piu’ importanti da fare che guardare con occhio benevolo il Napoli!

  3. questa e’ una cosa che non mi spiego….come mai lasciamo ancora tirare i calci di punizione a gargano il quale ci prova da tre anni e non ne azzecca una, a questo punto lascerei il compito a lavezzi oppure cavani, i quali non sono degli specialisti ma per lo meno hanno piedi piu’ sensibili e tiri piu’ potenti….questa davvero non me la spiego caro mazzarri.

  4. questa rete di osservatori di ottimo livello , fino ad oggi non ha dato frutti…..provate ad inserire anche me nella rete e vedrete che andra’ molto meglio.

LEAVE A REPLY