Phard Napoli avanti tutta, tocca a Taranto

0
35

Da mercoledì al via le semifinali play off contro la squadra pugliese, coach Molino: «Siamo pronti a dare il massimo. E con Parma l’abbiamo dimostrato».

Sarà dunque la Levoni Taranto l’avversaria della Phard Napoli nella prima semifinali play off (al meglio delle 3 gare) al via mercoledì 16 aprile con gara-1 sul parquet pugliese. Ieri sera, infatti, la squadra di coach Corno ha regolato di nuovo La Spezia chiudendo la serie dei quarti col medesimo 2-0 con cui, il giorno prima, la squadra azzurra aveva superato la Lavezzini Parma. Già qualificata anche la Famila Schio che però dovrà attendere domani sera l’esito della “bella” tra Venezia e Priolo per conoscere quale sarà la sua prossima rivale nell’altra semifinale.
La Phard, intanto, è tornata oggi pomeriggio al lavoro per preparare al meglio la prima sfida contro Taranto che, forte del primo posto al termine della stagione regolare, potrà contare sul vantaggio del fattore campo nell’eventuale terza e decisiva gara. Ma la Phard è conscia dei propri mezzi, intenzionata a lottare fino all’ultimo per difendere lo scudetto che porta cucito sulle canotte. E l’ha dimostrato anche nell’ultima sfida contro Parma, confermandosi vincente sul campo emiliano con una grande prova corale. «Abbiamo giocato una buona partita – commenta infatti soddisfatto coach Molino -. Senz’altro abbiamo lavorando meglio in difesa rispetto alle precedenti uscite, limitando maggiormente Mahoney. Inoltre abbiamo recuperato molti palloni e questo ci ha permesso di imporre il nostro gioco e di portarci per lunghi tratti della gara in pieno controllo. Parma ha più volte cercato di recuperare, ma la Phard è stata brava a non andare mai sotto nel punteggio e questo è stato importante anche dal punto di vista psicologico, perché ci ha permesso di superare anche la pesante situazione falli, come nel 3° quarto quando, sia Cirone che Barnes, erano entrambe gravate di 4 penalità. Ma le ragazze hanno continuato a giocare come dovevano. Nell’ultimo minuto, poi, è successo un po’ di tutto con due palle perse ed un fallo fischiato in attacco a Giauro, ma Horasan dalla lunetta è stata glaciale permettendoci di mettere in cassaforte il risultato. Ma ora pensiamo alle semifinali – prosegue il tecnico azzurro – che al momento confermano i valori espressi durante tutta la stagione. Ad oggi, le prime tre semifinaliste sono infatti le stesse squadre che per l’intero arco della stagione hanno dimostrato maggior la continuità di rendimento e che quindi hanno meritato di arrivare sino a questo punto». Ed alla Phard è toccata Taranto. «Inutile dire che un’ottima squadra, con giocatrici di estremo livello che sanno fare la differenza – conclude coach Molino, ex tecnico proprio del team pugliese che nella stagione 2002/2003 guidò al grande slam -. Ma noi penseremo solo al nostro camminino dando il meglio di noi: in ogni sfida giocheremo al massimo delle nostre possibilità».
Ad inizio settimana, infine, mentre la Phard era ancora impegnata nella serie dei quarti, l’Under 19 di casa azzurra ha disputato l’Interzona, concentramento a 4 squadre di scena a Sulmona, in provincia de L’Aquila. Avversarie della tre giorni di basket il San Martino Lupari, la Nuova Pallacanestro Valdarno e il Cras Taranto che, come la Phard guidata in panchina da coach Grillone, avevano superato la Seconda Fase del proprio Campionato Regionale di categoria. Solo la prima classificata avrebbe, però, ottenuto l’accesso alle Finali Nazionali del 27-31 maggio ad Udine insieme alle vincitrici degli altri 7 concentrantramenti interzonali svoltisi contemporaneamente in diverse località d’Italia. E nel girone di Sulmona, alla fine, è stato il San Martino di Lupari a conquistare l’ambito pass, chiudendo con l’enplein di 3 vittorie. La Phard ha invece ottenuto un successo contro il Taranto per 49-43 (parziali 14-14, 31-24, 42-33; migliori marcatrici azzurre: Stamegna 10, Zampella 12, Bargigli 15), perdendo però gli altri due confronti: appunto contro la corazzata Lupari per 74-48 (parziali 10-19, 23-38, 34-55; top scorer azzurra Stamegna 22), e purtroppo anche contro il Valdarno per 56-52 (parziali 15-11, 32-31, 43-45), sfida dal finale condizionato da un’antisportivo fischiato alle azzurre ad appena 10” dal termine con palla in mano che ne ha bloccato la possibile rimonta. Migliori marcatrici di Napoli: Cormun 14, Zampella 10, Bargigli 11. La Phard Under 19 esce comunque a testa alta da questa stagione, caratterizzata sempre dal grande impegno profuso da tutte le giocatrici, la maggior parte, tra l’altro, impegnate contemporaneamente anche per diverse squadre nei rispettivi campionati.

Redazione Napolisoccer.NET – Ufficio stampa Phard Napoli

 

 

SHARE
Previous articleAtalanta, Tissone: “Lavezzi è il pericolo numero uno”
Next articleF1: azienda italiana illuminerà il 1° GP in notturna
Giornalista sportivo, appassionato di calcio e, da sempre, tifoso del Napoli. Dal 2004 partecipo al progetto Napolisoccer.NET condividendone obiettivi e speranze, con l'unica finalità di fornire ai lettori un'informazione corretta e neutrale, scevra da pregiudizi e fuori da ogni logica di interesse. Napoletano convinto, nutro amore e passione incondizionata per "Terra mia", "Napul'è" e per la maglia azzurra.

LEAVE A REPLY