Eldo: Derby e Upim, stagione al bivio

0
21

Avellino e Scafati in casa, poi scontro diretto a Bologna: le chance play off in tre partite.  Ormai non fa più notizia, tantomeno stupisce. La Eldo Napoli non può più sbagliare se vuole agganciare l’ottavo posto play off. E, ovviamente, deve provare a inanellare un filetto di vittorie nelle cinque partite che ancora restano alla fine delle regular season. Semplice nella spiegazione, ma al tempo stesso anche assai complicato. Perché nelle ultime tre gare, Napoli ha portato a casa solo due punti (vittoria casalinga su Rieti), perdendo a Cantù e a Treviso. Due partite che avrebbero potuto significare la svolta e che invece rischiano di indicare la resa.                                      IMPRESA Parliamoci chiaro: centrare l’ottavo posto era un’impresa prima della gara con la Benetton, dopo la sconfìtta è una sorta di miracolo. Che può avvenire, certo, ma sempre in maniera prodigiosa. Perché dipende da due fattori: dai risultati di Napoli ma anche da quelli delle altre. E in questo senso gli incastri e gli incroci sono molteplici ed imponderabili. Impossibile stilare tabelle di marcia o affidarsi a calcoli.                    ULTIMA CHANCE Di sicuro, c’è solo che Napoli si gioca il tutto per tutto in tre partite chiave, tutte decisive. Due derby e uno scontro diretto che potranno alimentare la fìammella della speranza o spegnerla con una folata gelida. Si comincia domenica al PalaBarbuto e decisamente in salita: arriva l’Air Avellino, già matematicamente certa dei play off, ma a caccia di un piazzamento prestigioso tra le prime quattro, lanciatissima dopo il periodo di appannamento, ambiziosa al punto da pensare addirittura ad un ‘rinforzo’ del calibro di Mare Jackson, pivot Usa di lunga militanza rilasciato dall’Olympiakos. Una partita diffìcile, delicata, ma che, come ogni derby, sfugge alla logica. Esattamente come la partita successiva, sempre al PalaBarbuto, contro la Legea Scafati, sempre più vicina alla retrocessione ma comunque squadra insidiosa, soprattuto nelle giornate in cui ha la mano calda dalla distanza.                            SCONTRO DIRETTO Napoli però proverà a non pensarci e a far valere anche negli scontri con le ‘cugine’ la ‘legge del PalaBarbuto’, che la vede imbattuta da otto partite consecutive. E non potrebbe fare altrimenti, viste le necessità di classifica: l’ottavo posto è attualmente occupato da Cantù, ma a pari punti con Fortitudo, Rieti e Biella. La Eldo insegue a -4, ma ha dalla sua il vantaggio di giocare due scontri diretti con due delle quattro squadre. E il primo tra questi, basilare per il tentativo di rincorsa, andrà in scena a Bologna contro la Upim. Anche da lì, passerà la speranza di Napoli.               RINCORSA Si mangia le mani, la Eldo, che a Treviso ha gettato alle ortiche nel finale una rimonta confezionata con voglia e fatica. "Il black out ci è stato fatale – ha ammesso il tecnico Piero Bucchi – dopo il parziale di 27-12 che ci aveva riportati in vantaggio ci siamo fatti infilare e Treviso ha potuto allungare le mani sulla partita. La squadra però ha saputo soffrire e ha offerto anche sprazzi positivi: non molliamo, lotteremo sino alla fine per i play off. L’intenzione c’è, ma non è facile da tramutare sul parquet". Sperando che non arrivino nuove ‘distrazioni’ dall’esterno del campo.

Cronache di Napoli

LASCIA UN COMMENTO