Mascara: “Napoli è la svolta della mia carriera, non voglio perdermi niente”

0
17

mascara07L'attaccante del Napoli, Peppe Mascara, ha rilasciato un'intervista al Corriere dello Sport, di seguito riportata da Napolisoccer.NET.
 

Mascara, per lei suona sempre la Campania….
«Ho giocato ovunque. Il primo contratto professionistico a Battipaglia; poi Avellino e la Salernitana: il Napoli era la squadra del cuore di chiunque, ce l'ho fatta».

Però è dura starsene nell'ombra…
«Io quando sono venuto sapevo di avere davanti tre fenomeni e di dover cogliere qualsiasi brandello di occasione. Così è stato e così sarà. Hamsik, Lavezzi e Cavani sono di un altro pianeta, noi umani proviamo a non farli rimpiangere».

Ma ora possiamo dire al Pocho, sorridendo, che le punizioni le batte meglio lei….
«Io non glielo dico».

Vabbé, mica si arrabbierà..
«Quando sono arrivato, c'erano gerarchie. Giusto così. E poi raramente è successo che con tutti e due in campo ci sia capitata qualche chance dal limite dell'area».

La musica della Champions la sente?
«Non vedo l'ora. Questa è la grande opportunità. Il destino me l'ha concessa ora e voglio viverla tutta. Ho dovuto lottare, sono contento di quello che fatto, ma sono contento anche di ciò che mi aspetta».

L'uomo dei gol impossibili.
«Quello da centrocampo nel derby a Palermo l'avete raccontato decine di volte. Ma il più bello è quello che devo ancora segnare».

La sua bacheca aspetta trofei…
«Ho vinto poco, è vero: un campionato con il Perugia, uno che vale il doppio e anche il triplo, perché ottenuto con il mio Catania dalla B alla A. Non voglio illudere, ma siamo con le quattro-cinque favorite di quello che si annuncia come uno dei campionati più belli di sempre; forse, il più bello».

Si lotta alla pari con…?
«Le solite: Milan e Inter per cominciare; ma la Juve s'è rinforzata, la Roma mi piace. Non c'è una squadra in grado di stracciare la concorrenza. Ci sarà da divertirsi».

Voi con quali armi lo farete?
«La società ha fatto ottime cose, il gruppo è solido e competitivo. Adesso tocca a noi. Abbiamo l'umiltà giusta, anche se siamo consapevoli che ripetersi è sempre complicato. Però la qualità non ci manca, proprio no».

L'ora di vincere sta per scattare, dunque…
«Ho fatto talmente tanta gavetta, che mi piacerebbe. Quando ho deciso di lasciare Catania, l'ho fatto solo perché avevo la possibilità di trasferirmi a Napoli. Non sarei andato in nessun'altra parte. La svolta della mia carriera è arrivata».

D'estate un attaccante si lascia andare a promesse…
«Sono in controtendenza: conta solo quello che sarò capace di fare. Io sto vivendo, dal punto di vista professionale, un'esperienza irripetibile: e non voglio assolutamente perdermi niente».

Sicuro che la precarietà non le toglie nulla?
«E voi siete sicuri che stare alle spalle di quei tre sia faticoso? Meglio averli con sé, si fidi».
 

Fonte: Corriere dello Sport

Condividi
Articolo precedenteAnellucci (proc.): “Cavani potrebbe ritardare il rientro, la società è al corrente”
Prossimo articoloIl “Pocho” si confida e Mazzarri lo aiuta
Giornalista sportivo, appassionato di calcio e, da sempre, tifoso del Napoli. Dal 2004 partecipo al progetto Napolisoccer.NET condividendone obiettivi e speranze, con l'unica finalità di fornire ai lettori un'informazione corretta e neutrale, scevra da pregiudizi e fuori da ogni logica di interesse. Napoletano convinto, nutro amore e passione incondizionata per "Terra mia", "Napul'è" e per la maglia azzurra.

LASCIA UN COMMENTO