Calciopoli: Per pm «la Cupola era come la P2 e la mafia»

0
27

La cosiddetta "cupola", l’organizzazione capeggiata dall’ex dg della Juve Luciano Moggi che avrebbe condizionato i campionati di calcio, è per molti aspetti simile alla P2 e alla mafia. Questa l’opinione del pm di Napoli Giuseppe Narducci, che con il pm Filippo Beatrice, ha svolto oggi la sua relazione all’udienza preliminare, davanti al gup Eduardo De Gregorio che dovrà pronunciarsi sulle richieste di rinvio a giudizio nei confronti degli imputati di Calciopoli.

COME LA P2 E LA MAFIA – Per il pm infatti la norma dell’articolo 416 del codice penale (il reato di associazione per delinquere contestato a Moggi e agli altri presunti appartenenti alla "cupola") «sta un pò stretta» in questa vicenda. «C’è qualcosa – ha spiegato Narducci – che ricorda più un’associazione segreta, una organizzazione che fa del vincolo della segretezza il suo dato essenziale», le cui finalità «non si esauriscono nella commissione di uno specifico reato». Secondo il magistrato essa «ricorda quanto previsto dall’articolo 1 della Legge Anselmi, una legge pensata in funzione della P2», che esercita «un condizionamento delle istituzioni pubbliche». L’organizzazione inoltre «può ricordare i profili di una associazione di tipo mafioso: è stata infatti una organizzazione strutturata in cui il vincolo associativo non solo era intervenuto e si era determinato nell’accordo, ma veniva ulteriormente rinsaldato».

IL CASO DELLA MORTE DEL PAPA – Il pm Narducci non condivide la tesi di «più reticoli» ma parla dell’esistenza di «una sola, potente organizzazione criminale» contro la quale «nessuno ha potuto competere». E per sottolineare il potere di Moggi ha ricordato quando il ministro dell’interno in carica si rivolse al dg della Juve, in occasione della morte di Giovanni Paolo II, per valutare l’opportunità della sospensione del campionato. Il pm Beatrice si è soffermato in particolare sui singoli capi di imputazioni. Nel suo intervento il pm ha parlato di «commissione anticipata» del reato di frode sportiva: perchè tale reato si concretizzi – ha, in sintesi, osservato Beatrice – non serve dimostrare che l’illecito sia portato a conclusione, ma è sufficiente stabilire l’esistenza di contatti o accordi tra le due parti coinvolte. Ciò in quanto il bene tutelato da tale reato è quello della «lealtà sportiva».

 

Fonte: Corriere dello Sport

Condividi
Articolo precedenteReja: “Vincere per stare tranquilli”
Prossimo articoloCalcio: Serie B, il Chievo prova la fuga
Giornalista sportivo, appassionato di calcio e, da sempre, tifoso del Napoli. Dal 2004 partecipo al progetto Napolisoccer.NET condividendone obiettivi e speranze, con l'unica finalità di fornire ai lettori un'informazione corretta e neutrale, scevra da pregiudizi e fuori da ogni logica di interesse. Napoletano convinto, nutro amore e passione incondizionata per "Terra mia", "Napul'è" e per la maglia azzurra.

LASCIA UN COMMENTO