Calcio, Juve: Marotta Dg, chiave per Cassano

0
8

Sette giorni che possono valere una stagione o far naufragare un progetto e farne partire un altro. La Juve contro Real Madrid e Torino si gioca tutto. Si gioca tutto il tecnico Ranieri ma anche una parte della dirigenza, oggetto ormai di una pesante contestazione da parte dei tifosi. Secondo i ben informati, l’Ifil starebbe infatti valutando la possibilità di rinforzare la società con una figura che adesso manca, scorporando le due cariche (amministratore delegato e direttore generale) che il francese Jean-Claude Blanc riunisce in sé: si vorrebbe affidare il ruolo di dg a Beppe Marotta della Sampdoria. Proprio l’interesse al dirigente blucerchiato potrebbe essere la chiave per arrivare ad uno, se non il più importante obiettivo di mercato dei bianconeri: Antonio Cassano. Il talento di Bari vecchia è considerato il vero erede di Del Piero e con Amauri formerebbe una coppia di classe mondiale. Anche se Blanc lo nega, però, in casa bianconera stanno iniziando a pensare al piano d’emergenza in caso di disastro imminente. Per ora l’unica soluzione presa in considerazione porterebbe alla promozione in panchina di Ciro Ferrara. Nessuno ha contattato Roberto Mancini, che tuttavia ha fatto sapere in giro che non rifiuterebbe a priopri una proposta juventina, anche se i 20 milioni di credito che il ‘Mancio’ vanta nei confronti di Moratti sono una montagna insormontabile. Sulla piazza ci sono anche Donadoni e Rijkaard, mentre voci vicine all’ambiente bianconero parlano di un ritorno di fiamma per Luca Vialli. Per i troppi infortuni (ben 19 al momento) rischia il posto Riccardo Agricola, responsabile dello staff sanitario fin dai tempi della Triade e che ora potrebbe pagare per un inizio di stagione disastroso anche sotto l’aspetto medico.
 

realsports.it

Condividi
Articolo precedenteLavezzi: «Napoli non ti lascerò mai»
Prossimo articoloCalcio, Moratti: “Teniamo i piedi per terra”
Giornalista e Vice Direttore di Napolisoccer.NET . Tifoso del Napoli, coniugo l'amore e la passione per gli azzurri alla deontologia propria del lavoro di giornalista. Il piacere di raccontare le vicende azzurre, con i suoi risvolti sociologici, con criticità e romanticismo quando ci vuole. Pratico la libertà d'informazione senza condizionamenti.

LASCIA UN COMMENTO