Maradona: “Grondona, mi ha mentito. Bilardo mi ha tradito”.

5
29

”Quando eravamo in lutto tramava dietro le ombre per tradirmi”: cosi’ Diego Armando Maradona si e’ riferito a Carlos Bilardo, il manager delle nazionali argentine, affermando inoltre che il presidente della federcalcio (Afa), Julio Grondona, ”mi ha mentito”. Nella suo primo incontro con la stampa, durante il quale si e’ limitato a leggere un comunicato, dopo l’esonero da ct di ieri, Maradona e’ stato duro nel tono e nei contenuti. A finire nel mirino dell’ex tecnico sono stati proprio i due ‘big’ della nazionale di Buenos Aires, Bilardo e Grondona. Riferendosi a quanto avvenuto ”nelle ultime ore”, e cioe’ alla sua cacciata dalla panchina della Seleccion, Diego ha in sintesi detto che il primo lo ha ”tradito” e il secondo invece ”mi ha mentito”. Dichiarandosi ”in lutto” ormai da tempo, e cioe’ dalla goleada con la quale la Germania ha rispedito a casa dal Sudafrica l’Argentina, Maradona ha ricordato che un anno e mezzo fa, quando prese l’incarico quale ct, ”ero stato chiamato per spengere un incendio, e lo abbiamo fatto. Potevamo iniziare a lavorare con piu’ tranquillita’, ma e’ successo quanto abbiamo visto”. Nel suo incontro con la stampa di una ventina di minuti Maradona ha inoltre lanciato una sorta di avvertimento a quello che sara’ il suo successore alla guida della nazionale. Negli ambienti della federcalcio – ha precisato – ”si annida il tradimento. Ci sono personaggi che non vogliono bene al calcio argentino e l’unica cosa alla quale pensano e’ badare ai propri interessi. Io lascio con la coscienza tranquilla”, ha sottolineato Maradona, che durante l’incontro stampa era vestito con una giacca azzurra senza cravatta, e che e’ stato applaudito dai cronisti. Su Grondona l’ex ct ha tra l’altro rilevato che subito dopo la sconfitta con la Germania il presidente dell’Afa ”mi aveva detto che era contento del mio lavoro invitandomi a proseguire nell’incarico”. Le cose sono cambiate – ha concluso Maradona – al rientro a Buenos Aires dal Sudafrica. ”Voleva che io continuassi, ma mandare via sette persone tra i miei assistenti, fatto che equivale a dirmi di non proseguire. Io difendo la mia gente, ho dei valori e principi, cose che loro non hanno: questi sono fatti che non si negoziano. Loro al posto mio avrebbero tradito”.

Fonte: Agenzia ANSA

5 COMMENTS

  1. luigim maradona e’ un vero amico ,pure quando giocava nel napoli difendeva prima gli interessi dei compagni e non ha mai fatto il superiore o avuto atteggiamenti da fenomeno (non come fanno oggi certi presunti “fenomeni” ka so a ualllera del grande DIEGO!!!)nei confronti dei piu’ scarsi e non si e’ mai lamentato in campo subendo falli in continuazione !!!!
    questa storia della nazionale argentina dimostra x l’ennesima volta la sua grande dignita’ nei confronti dei suoi amici e colleghi.

  2. diego sei unico…. hai scelto la strada migliore rispettare e difendere i valori…in un mondo dove purtroppo si sono ridotti al lumicino…i vari grondona e bilardo se sono li’ sono grazie a te che come calciatore hai fatto arricchire tutto il mondo…che hanno usato il tuo cognome sempre e dovunque per il loro porci comodi….forza grande diego ….il migliore calciatore di tutti i tempi.

LEAVE A REPLY