Il Napoli a colloquio con la Roma: Mexes, Brighi e Baptista l’argomento?

13
372

Nei giorni scorsi il ds azzurro Riccardo Bigon ha avuto un incontro con Rosella Sensi e con il ds Pradè e gli argomenti trattati sono rimasti assolutamente riservati… o quasi. A quanto pare, secondo indiscrezioni raccolte in ambienti vicini alla dirigenza giallorossa, il Napoli sarebbe interessato a Baptista, Brighi e Mexes. I tre calciatori giallorossi sarebbero, secondo la dirigenza azzurra, le pedine giuste per rinforzare l’organico del Napoli proprio nei settori in cui la squadra ha dimostrato maggiori lacune nello scorso campionato.
Non è dato sapere qual è stato l’esito del colloquio ma la Roma, anche alla luce delle recenti problematiche legate alla cessione della società da parte della famiglia Sensi, si sarebbe riservata una risposta tenuto conto che sia Mexes che Baptista sono in vendita.
Di certo, la triplice operazione non sembra essere aderente al progetto "Napoli in progress" del presidente De Laurentiis, soprattutto dal punto di vista economico ma più che altro sembra un sondaggio per giungere poi alla definizione di un solo acquisto: quello di Brighi. Dei tre giallorossi, infatti, quello che più potrebbe giungere al Napoli è proprio il centrocampista, tenendo in debito conto gli ingaggi che i tre attualmente percepiscono e che difficilmente li troverebbero propensi a sensibili decurtazioni visti i limiti imposti dalla società partenopea al tetto ingaggi (senza dimenticare la gestione dei diritti di immagine).
Per maggiore precisione, infatti, pare opportuno sottolineare che Mexes (nel mirino di molti club italiani e stranieri di primo livello) ha un contratto con la Roma "a salire" che nel 2010/2011 lo porterebbe a guadagnare all’incirca 5 mln di euro lordi (+ premi) mentre Baptista guadagna 4,5 mln di euro lordi. Al contrario Brighi, nel biennio 2010/2012, arriverebbe ad un ingaggio lordo pari a 1,6 mln di euro.
Pertanto non è il prezzo del cartellino a spaventare il Napoli per il buon esito della triplice trattativa ma i costi di "mantenimento" dei calciatori (Mexes e Baptista) che farebbero notevolmente lievitare il monte ingaggi e creerebbero i presupposti per "battere a cassa" ad altri azzurri nelle trattive di rinnovo che come al solito arriveranno nei prossimi mesi.

Gianni Doriano – Napolisoccer.NET

Condividi
Articolo precedenteLe nuove norme sugli extracomunitari complicano il trasferimento di Denis all’Udinese
Prossimo articoloAcquafresca, arriva il sì: Napoli vicino alla punta
Giornalista sportivo, appassionato di calcio e, da sempre, tifoso del Napoli. Dal 2004 partecipo al progetto Napolisoccer.NET condividendone obiettivi e speranze, con l'unica finalità di fornire ai lettori un'informazione corretta e neutrale, scevra da pregiudizi e fuori da ogni logica di interesse. Napoletano convinto, nutro amore e passione incondizionata per "Terra mia", "Napul'è" e per la maglia azzurra.


13 Commenti

  1. Mexes lo vuole tutto il mondo!..di sicuro non verrà a Napoli!!…
    non alimentiamo inutili speranze nei tifosi GRAZIE!!!……
    stesso discorso per Baptista che guadagna decisamente troppo….

  2. Ma il Napoli non concede i diritti di immagine ha un tetto dei reingaggi che fa ridere come potrebbe ingaggiare giocatori di prima fascia…..ma se non riesce neanche a prendere Brighi!!!!
    Ma che ne vuoi sperare……
    E’ na tragedia altro che Mexes.Brighi e Batista a Napoli non viene nessun giocatore di qualita’ ne esperto ne giovane…..sara un vero casino!!!!

  3. Bravo GIANNI ecco perche si parla solo di nomi al piu possibili promesse per i quali è gia molto ambire ad un ingaggio che puo offrire il Napoli.Ma purtroppo con questa politica non possiamo puntare alcun calciatore affermato neanche a parametro zero tipo quelli della Roma.

  4. Con tutti questi nomi che si fanno mi sto convincendo che solo Toto’ potrebbe risolvere il problema con la sua famosa gag:”Preside’!Sgabello e tovagliuolo…”

  5. Ma possibile che sappiate solo criticare?
    A fare tutti contratti faraonici si finisce pieni di debiti proprio come la roma, o come il milan che sta vendendo tutti e gioca co na squadra di vecchi.
    Ma con sti contratti faraonici si finisce anche come il napoli attuale, che per colpa di marino che ha fatto quinquennali a cifre assurde a giocatori come dalla bona, ha reso questi giocatori incedibili perchè non rinuncerebbero mai a tutti sti soldi per cambiare club.

  6. Ragazzi ma quale mexes, brighi e baptista..con quella ridicola pretesa dei diritti di immagine! E poi questa pretesa non è affatto bilanciata dal tetto ingaggi. Infatti ma sta bene tenere i diritti di immagine (il 50 %, non per intero), ma il tetto ingaggi deve assestarsi sui 4,5 mln. Noi siamo a 1,8 mln, un gradino sopra alle neopromosse. Il genoa è anni luce avanti!! Nemmeno uno scarsone Bianchi viene da noi…Che brutta fine. Povero Napoli mio

  7. Al Napoli sono stati accostati almeno 50 giocatori in quest’inizio di calciomercato, viene da fare una riflessione sul fatto che i giornali devono essere venduti per salvaguardare i posti di lavoro, ma da qui a dare tutte questi informazioni farneticanti è la dimostrazione che tantissimi giornalisti non seguono nessun iter deontologico. Speriamo che intervenga qualcuno a dare una calmata a quest’ambaradan di informazioni sballate.

  8. Visti tanti ottimi giocatori, per me sconosciuti, in questo mondiale. A parte le meraviglie tedesche già fuori mercato per noi (a me anche le riserve sono sembrate ottime, ad es. Trochowski, Kroos e Jansen), penso a giapponesi (Honda magnifico, altro che Acquafresca!, ottimo anche Tulio), messicani (Salcido e altri), uruguayani (Lugano, Suarez, più il centrocampista pelato che giustamente tiene Gargano in panca, a parte il conosciutissimo Forlan ma che già aveva il suo giusto prezzo prima), statunitensi (Donovan bravissimo, ma anche altri), paraguayani (Barrios, Caceres), portoghesi (Coentrao), coreani, ghanesi, ecc. ecc.. Una società seria li avrebbe prima di me nelle qualificazioni e li avrebbe comprati PRIMA. Oppure comprerebbe giocatori europei (viste le nuove regole) davvero forti (penso a Kuyt ad esempio, per non parlare del mio eterno sogno Cassano) se volesse davvero iniziare prima o poi a fare il famoso “salto di qualità”.
    Quando invece sento che siamo come al solito in Argentina o in Brasile a caccia di gente mai selezionata nelle nazionali e che stranamente inseguiamo solo noi (non mi risulta che le grandi si siano mai interessate a Fred), mi viene il sospetto che il motivo di ciò deve essere altro (meglio tacere) e incrocio le dita. Tranne il sorprendente Quagliarella, aldilà di ogni mia aspettativa anche se non va dimenticato che ha giocato con due punte a fianco (unico suo possibile utilizzo per valorizzare le sue capacità), i nostri al Mondiale o non c’erano proprio perchè chiusi nelle rispettive nazionali da gente più forte (Lavezzi, Denis e i nostri italiani), o erano comparse (Maggio, De Sanctis, Gargano) o hanno giocato maluccio (Hamsik, un solo vero lampo nel passaggio a Vittek del 2-0 contro di noi e per il resto del tutto anonimo). O a questo telaio di valore indiscutibilmente MEDIO (e sto parlando delle nostre stelle) si aggiungono 4 giocatori davvero forti e affidabili, o nel nostro campionato o nelle loro nazionali (per me un portiere, un difensore centrale, un regista-incontrista e un centravanti, per capirci uno Stekelemburg, un Lugano, uno Schveinsteiger e un Rooney se avessimo i mezzi del Real o dei magnati russi, ma anche un Castellazzi o Sorrentino, Kyrgiakos o Tulio, Inler o Asamoah, per la punta mi sarebbero bastati Floro Flores e Maccarone), più qualche “affare” che già ci siamo secondo me lasciati scappare (penso a Motta, ad esempio, o a Maccarone stesso) o resteremo una squadra di mezza classifica che avanzerà o meno in Europa League (comunque non troppo) in base alla sorte. I nomi che sento finora, Acquafresca compreso vista la sua stagione del tutto fallmentare (non così Matri che mi sembra più forte) mi fanno pensare che siamo sulla strada di un rafforzamento solo probabile e comunque molto ma molto lento. Riguardo ai giocatori della Roma, Brighi è il classico giocatore che imbrocca una stagione su tre (stile Blasi) e Baptista ha fallito tutte le occasioni importanti che ha avuto. Mexes è buono, nulla da dire, ma ha ragione chi fa notare che con l’assurda pretesa delaurentiana sui diritti di immagine ci condanna in partenza a un mercato di serie B rispetto alle vere grandi,

  9. Signori, non ci illudiamo , siamo nelle mani di Mazzarri!!
    Baptista è un buon giocatore ma 4 milioni di stipendio sono troppi e quindi giustamente non è da prendere.Invece brighi potrebbe arrivare a napoli è il giocatore ideale per Mazzarri magari insieme a inler !!!

  10. Mi sono proprio stufato di questa societa’ di poveracci e di accattoni che non riesce ad esprimere nessuna politica con un presidente sbruffone ed inattendibile che dice tutto ed il contrario di tutto da tifosissimo napoletano spero di sbagliarmi ma penso che siamo destinati ad un ridimensionamento
    totale .Si naviga a vista nella confusione piu’ totale con un presidente affarista ,tirchio .romano e per nulla passionale.Peggio di cosi’……..fosse almeno simpatico…..

  11. questa è forte!! per poter acquistare sti 3 il napoli deve vendere anche le mutande dei propri calciatori!!
    ragazzi clamoroso il napoli, sta trattando holly atton, benjy e udite udite mark landes

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here