“Ke Nako Sudafrica” da stasera anche su NatGeo Adventure

0
31

"Ke Nako Sudafrica" da stasera, a partire dalle ore 20, sarà trasmesso anche su Nat Geo Adventure (canale 404 del bouquet di Sky). Dopo aver riscontrato straordinari consensi di critica e pubblico su SkySport1 e SkyMondiale anche la tv tematica del Natiolal Geographic darà spazio ai reportage realizzati da Tania Zamparo e Savio Panico sulla Nazione che sta ospitando la World Cup 2010.

“Ke Nako Sudafrica” è un viaggio all’interno di una nazione che grazie allo sforzo di un popolo è riuscito ad organizzare in maniera egregia questa edizione dei Mondiali. Ma non si guarderà solo al calcio, ma anche ad altre dimensioni comunque affascinanti di un continente e di un popolo ancora tutto da scoprire. Natura, avventura, gastronomia e segreti di una terra che non smette mai di stupire saranno mostrati dalle telecamere di “Ke Nako Sudafrica”.

“Ke Nako”, tradotto dallo swati, uno degli undici idiomi ufficiali parlati in Sudafrica, vuol dire “È giunta l’ora”, ed è anche il motto prescelto dal comitato organizzatore della 19^ edizione dei campionati del mondo di calcio che, per la prima volta nella loro storia, si disputano nel Continente Nero. Il Mondiale però è solo un pretesto per far conoscere al grande pubblico una Nazione ricca di storia, di bellezze, ma anche di tante contraddizioni. Tania Zamparo ci guiderà alla scoperta delle città che ospiteranno le partite del Campionato del Mondo e degli stadi che vedranno impegnata anche la Nazionale Italiana. Il viaggio di “Ke Nako Sudafrica” parte da Johannesburg per finire a Cape Town, passando per Nelspruit, Durban, Port Elizabeth, Pretoria. Ma verranno mostrate anche le terre del vino ed il parco Kruger, il primo al mondo per concentrazione di mammiferi, luogo d’osservazione privilegiato per scorgere nei sentieri verdeggianti i “big five”: elefante, leone, rinoceronte, leopardo e bufalo. Verranno anche svelate le radici e le grazie del Sudafrica attraverso una particolare lente di ingrandimento sulle città ultramoderne, sugli stadi all’avanguardia, ma anche su paesaggi incantevoli ed ancora selvaggi che possono essere descritti solo attraverso le immagini di “Ke Nako Sudafrica”.

Comunicato Stampa
 

Condividi
Articolo precedenteBruscolotti: “Lippi deve sfruttare Maggio e Quagliarella”
Prossimo articoloRivieccio: “Bossi? Poteva stare zitto. Ma questa Italia non mi piace”
Giornalista sportivo, appassionato di calcio e, da sempre, tifoso del Napoli. Dal 2004 partecipo al progetto Napolisoccer.NET condividendone obiettivi e speranze, con l'unica finalità di fornire ai lettori un'informazione corretta e neutrale, scevra da pregiudizi e fuori da ogni logica di interesse. Napoletano convinto, nutro amore e passione incondizionata per "Terra mia", "Napul'è" e per la maglia azzurra.


LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here