Napoli grande solo con le big. Lippi:”Naturale…”

0
41

Ha tolto punti alle grandi, li ha persi banalmente contro le piccole. Perché il Napoli ha disputato partite importanti con risultati entusiasmanti con Inter, Roma, Fiorentina e Juventus, mentre si è lasciato irretire e battere da Cagliari ed Empoli e ha preso solo due pareggi contro la Reggina? «Il Napoli grande contro le grandi? Non mi meraviglio. Perché una neopromossa si esalta contro le big del campionato e perché ha avuto il sostegno di un pubblico che io amo. So per esperienza vissuta quanto vale il calore dei napoletani». Marcello Lippi è rimasto affezionatissimo alla città ed alla squadra. Invitarlo a parlare del Napoli significa anche fargli fare un tuffo nel passato. Fu lui l’ultimo allenatore a portare il Napoli in Europa, in coppa Uefa. «Ho vissuto un solo anno a Napoli, ma è stato sufficiente per capire l’importanza dei tifosi. De Laurentiis e Marino hanno svolto un ottimo lavoro nella costruzione del nuovo organico e Reja sta facendo maturare molto bene i suoi ragazzi. Quando sei in una fase di crescita, qualche passo falso ci può stare. Ecco perché alcuni punti sono stati lasciati per strada». Anche Emiliano Mondonico giustifica il Napoli. Quando cala la concentrazione contro le squadre di rango inferiore si va incontro a risultati sorprendenti. «È normale per una neopromossa un atteggiamento del genere e di conseguenza si ottengono buoni risultati soprattutto contro le grandi – sottolinea l’ex-tecnico del Napoli ed attuale allenatore della Cremonese che è in testa nel girone A della C1 -. Solo dando il massimo si ottiene il massimo quando sei una neopropmossa. Il Napoli è una squadra in progress come dice il presidente De Laurentiis e quindi nel primo anno di A bisogna comprendere qualche sbavatura. Da stupidi fare paragoni con la Juventus, anche lei neopromossa. La Juve era in B per… caso e poi ha tanti fuoriclasse». Bruno Giordano ha una teoria che è estremamente interessante: «Il Napoli gioca bene contro le grandi perché le grandi giocano e lasciano giocare. E il Napoli gioca discretamente bene. Calciatori del valore di Lavezzi e Hamsik hanno più spazi dove inserirsi». Per l’ex-attaccante del Napoli non è solo questa la spiegazione: «Va anche detto che il merito è del San Paolo. Il Napoli ha battuto Juventus, Inter e Fiorentina anche grazie al calore dei suoi tifosi davvero splendidi». Ovvero, come prima del periodo maradoniano, i tifosi in attesa di giorni migliori vivono soprattutto per battere le grandi del campionato.

 

Il Mattino

Condividi
Articolo precedenteZeman: a Napoli, Moggi jr decideva chi comprare
Prossimo articoloIl sogno di Calaiò: gol contro il mio Palermo
Giornalista e Vice Direttore di Napolisoccer.NET . Tifoso del Napoli, coniugo l'amore e la passione per gli azzurri alla deontologia propria del lavoro di giornalista. Il piacere di raccontare le vicende azzurre, con i suoi risvolti sociologici, con criticità e romanticismo quando ci vuole. Pratico la libertà d'informazione senza condizionamenti.

LASCIA UN COMMENTO