Hamsik gela il Napoli: “Resto? Prima il contratto”

27
272

Hamsik non si sbilancia. Non tradisce il suo aplomb da novello Ivan Drago. La sua calma glaciale. Anche alla vigilia del primo, storico Mondiale della sua carriera: sarà il capitano della giovane Slovacchia pronta a esordire in una Coppa del Mondo dopo l’indipendenza e la disgregazione della Cecoslovacchia. La fascia è già sul braccio, e anche se prima di partire per il Sudafrica Marek ha accusato un piccolo risentimento muscolare che ha un po’ scosso l’ambiente, il pensiero vola al Napoli: «Se resto? Non ho ancora rinnovato il contratto». Piccola doccia fredda. Piccola. Ma significativa. Il ritardo Direttamente dal Luxury Villas Suite Hotel di Pretoria, la sede del ritiro della Nazionale di Weiss, sbarcata proprio ieri a Johannesburg, Marek ha affrontato il discorso relativo al futuro con il club di De Laurentiis: «La prossima sarà una stagione importante, perché dovremo giocare sia in campionato sia in Europa League: il club sa come intervenire per la costruzione della squadra». Di cui Hamsik farà parte? I media slovacchi sono scettici, parlano di un addio imminente, e anche il ct sfiora l’argomento: «Marek è giovane ma è già un leader: ha una tale personalità che non ha mai il timore di assumersi responsabilità. Prima o poi farà il salto di qualità: lui è già pronto per una grande del calcio europeo. Merita una big». E il Napoli? Beh, di certo non mollerà la presa. Non cederà, a meno di una mega offerta dai 30 milioni di euro in su. Il club azzurro ha le idee chiare, in merito: tutti cedibili, a certe cifre. E Hamsik cosa dice? Resterà con Mazzarri? «Penso di sì». Margine di serenità, okay, ma nel calcio le certezze vacillano sempre: «Devo ancora prolungare il mio contratto», spiega Marek. E non tanto per blindare la scadenza, quanto per avere un ritocchino dell’ingaggio e, soprattutto, chiarire la questione dei diritti d’immagine, che lo stesso entourage del capitano slovacco spiegò essere un punto dolente. L’operazione, che la dirigenza azzurra aveva annunciato pronta al lieto fine entro maggio, è ancora aperta. È giugno, e la novella gioiosa per il popolo del San Paolo non è ancora stata raccontata: «Prossimamente sarà tutto più chiaro e tra poco dovrei firmare», continua. È il condizionale, a far salire un po’ il livello di guardia. Anche perché, il 27 febbraio, il centrocampista parlava in maniera assolutamente differente: «Se dipendesse da me resterei a Napoli a vita: il mio procuratore arriverà qui la prossima settimana per mettere nero su bianco. Non vedo l’ora». Non ha visto neanche la penna e il contratto, Marek. Un’altra storia da definire. L’affare russo In attesa, ieri il ds Bigon ha lavorato a Milano. La capitale del calciomercato che, oggi, sarà presa d’assalto da presidenti e direttori sportivi per una riunione in Lega. Già ieri, però, il clima s’è fatto più caldo: grazie ai russi del Rubin Kazan. Strano ma vero. Perché i signori dell’Est sono arrivati in Lombardia per provare a strappare Fabio Quagliarella al Napoli. Non una sorpresa, piuttosto il prosieguo di un discorso inaugurato il giorno dell’ultima partita di campionato: il 16 maggio, in tribuna a Marassi, a seguire il Quaglia in occasione della sfida con la Sampdoria c’erano infatti un dirigente e il tecnico del Rubin. I compagni Kurban e Berdyev. De Laurentiis, come noto, è pronto a valutare offerte: tutti importanti, nessuno incedibile (se ben ricompensato). La filosofia è questa. C’è poco da fare: i russi valutano e, prima di presentare un’offerta, provano a capire se esistono i margini di una trattativa. Per il resto, Bigon ha rimandato a oggi l’incontro con il Siena per la risoluzione della comproprietà di Calaiò, mentre la Lazio insiste per Zuniga, Bogliacino e Contini. Ieri, nel frattempo, al San Paolo è arrivata la Commissione Uefa per un sopralluogo propedeutico ai prossimi impegni degli azzurri in Europa League.

Redazione NapoliSoccer.NET – Fonte: Il Mattino

Condividi
Articolo precedenteMercato: Schiarita per Zuculini
Prossimo articoloDestini incrociati per Hamsik e Balotelli
Giornalista e Vice Direttore di Napolisoccer.NET . Tifoso del Napoli, coniugo l'amore e la passione per gli azzurri alla deontologia propria del lavoro di giornalista. Il piacere di raccontare le vicende azzurre, con i suoi risvolti sociologici, con criticità e romanticismo quando ci vuole. Pratico la libertà d'informazione senza condizionamenti.

27 Commenti

  1. Se Aurelio la pensa così c’è poco da ben sperare perchè se vanno via questi arriveranno sicuramente giocatori più scarsi ce costeranno un terzo di Hamsik e Quaglia, perchè Aurelio si deve rubare i soldi,siete ancora convinti che sia un buon presidente??Ma fatemi il piacere

  2. marek ma chi ti credi di essere’ cioè dovremo spaventarci se ci dovrebbe essere un tuo addio? l’importante che se sarà così paghino bene le altre squadre e nn a chiacchiere, xchè marek vale molti soldi. ricordatevi una cosa amici tifosi i giocatori vanno e vengono, la maglia RESTA! forza azzurri vai bigon e presidente FATECI GRANDI ACQUISTI!

  3. @ IVANO
    ma perchè, finora chi si è mosso sul mercato?
    Pepe IN PRESTITO alla Juve, poi?
    ci sono squadre che non hanno nemmeno l’allenatore, e noi ci lamentiamo…..

  4. Per me Dela si sta muovendo bene. Se domani annunciasse di aver cambiato la politica societaria sui diritti d’immagine, dopo-domani inizierebbero tutti i calciatori a batter cassa. Secondo me la cosa migliore è cedere un po’ alla vota…. e credo che questa sia la politica societaria.

    Se va via Marek Hamsik il Napoli ha un danno d’immagine incredibile…. DeLa non è fesso…

  5. azzurro io mi auguro che questo ragazzo che in quanto all’attaccamento alla maglia non ha da dimostrare nulla a nessuno(o avete ancora qualche dubbio) abbia le cocosiddette palle di dire in faccia al dela….o mi lasci i diritti d’immagine o ti mando a cagare…ma questo lo dovrebbero fare tutti i calciatori del napoli pubblicamente….inutile girarci intorno il problema principale è questo..ragazzi di questo passo si ritorna ai tempi di frappampina….non so voi ma io me li ricordo bene…..uahh e’cchignanta’matalen….

  6. Marek tieni duro i diritti di immagine devono darteli altrimenti nn firmare. Solo cosi possismo sperare che anche i campioni vengano a Napoli quello che nn ha capito quello stordito di de laurentis. Se nn hai soldi vattene e vendi a moggi cosi vinciamo lo scudetto ogni anno

  7. 88Hamsik88 Ma non sai fare altro che criticare? Hamsik è un ragazzo serio,sicuro non ha detto quello.Sono i giornalai o i redattori di napolisoccer che si annoiano………….

  8. sul c o r ….. dello …. s p o…. ho letto esattamente l’ossposto. chiacchiere chiacchiere chiacchiere, fossi un giornalista sportivo questi giorni me ne andrei in vacanza per salvaguardare la mia credibilità, mi farei vivo intorno al 10 agosto. buone vacanze!

  9. Senza i diritti di immagine è anche giusto che Marek decida di lasciare napoli, non capisco perchè dela debba essere cosi ingordo prendendosi pure soldi dei diritti immagine dei giocatori, è troppo limitante per i giocatori. Cioè Marek non solo non può guadagnare grosse cifre per via del tetto ingaggi ma dovrebbe pure rinunciare ad altri proventi che potrebbero venirgli dalle pubblicità perchè dela si deve fregare i soldi dei diritti immagine. Veramente assurdo, non possiamo biasimare marek, se arriva una big e gli offre 5 milioni netti + i diritti di immagine che deve fare? rifiutare? restare per guadagnare molto meno della metà e senza diritti immagine?

  10. Nessun imprenditore tira fuori i soldi dalla propria tasca, tantomeno aurelio che di soldi ne ha pochi. Linter il milan la roma hanno le banche alle spalle pronte a sganciare in quanto si sentono tutelate dalla garanzia del marchio societario, cosa che aurelio sta cercando di fare ma con poco successo, per il momento, i tifosi che vanno allo stadio non contano come una volta contano quelli che vedono il napoli in pay per view guardando la pubblicita’ che gli sponsor rigettano sul monitor, per adesso il marchio napoli sta andando bene ma non tanto da garantire il credito delle banche e questo anche per colpa dell’immagine che abbiamo fuori del calcio…….ma ci vorrebbe un libro per andare avanti.
    Smettetela di credere nelle chimere e accontentiamoci di quello che abbiamo, fino a poco fa avevamo il centro Paradiso di soccavo, che somigliava piu’ ad un inferno che un paradiso, aurelio ci prova ma e’ difficile per lui, per adesso e’ stato solo capace di vendere la propria immagine e quella della filmauro, poi vedremo…….

  11. hamsik ,fà una partita decente e dieci una schifezza,non ha continuità fà schifo con tutti quei tatuaggi ,sembra corona,se ne può andare tranquillamente,glielo darei in cambio di balottelli…ma pensate che questi dell’inter sono così stupidi?

  12. Licusati io ho solo detto che se vendiamo i pezzi importanti vuol dire che comunque Aurelio non vuole andare da nessuna parte,i pilastri non si vendono,Hamsik inoltre è tra i migliori 5-10 centrocampisti al mondo,è la disciplina in persona,è una persona deliziosa,un ragazzo d’oro, io comunque ho letto il contrario in molti articoli,e cioè che lui vuole proseguire con il Napoli e far diventare grande questa squadra,quindi non preoccupiamoci,e poi ricordate se Aurelio perde Hamsik ci perde tantissimo in immagine,non credo sia fesso, per quanto riguardo l’attaccante che compreremo inizio a pensare che stiamo aspettando perchè non possiamo sbagliare il colpo(molti giornalisti vicini al Napoli,Auriemma e altri dicono così)quindi vediamo cosa combinano!

  13. @QuagliaBeppe
    hai ragione., me n’ero dimenticato.
    l’ubriacone svincolato alla Roma e il panchinaro scaricato dall’Udinese alla Fiorentina.
    quindi il 90% del calciomercato è andato avanti ed è concluso ormai. tutti i migliori hanno trovato squadra ed ora che il calciomercato sta per finire noi siamo rimasti purtroppo al palo come dei rincitrulliti…..
    dai raga… ma veramente fate?!?!?!?!

  14. A questo punto credo proprio che la societa con l allenatore possano privarsi di Hamsik potendo cosi arrivare ad un altro campione ma comunque cosi non si va avanti migliorando

  15. hamsik non va via, adesso si fanno tante voci anche da parte di chi cerca di trovare la notizia, non dico di destabilizzare l’ambiente ma le cavolate che ha detto criscitiello da quando é finito il campionato non si contano su due mani. ragazzi tempo, hamsik rinnoverá, il tetto ingaggi del napoli sale ogni anno, sicuramente quest’anno si arriverá ai 2,2-2.5 milioni tranquillamente, gestiamo con oculatezza che poi questa paga.

LASCIA UN COMMENTO